domenica, 29 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, da Washington 100 milioni di dollari a Kiev. Twitter limita la propaganda russa. Borodyanka peggio di Bucha

Gli Stati Uniti stanziano altri 100 milioni di dollari da destinare all'Ucraina. Twitter ha annunciato di oscurare tutti i profili che accennano a propaganda russa. Intanto, proseguono attacchi aerei su Mariupol, mentre la situazione a Borodyanka sembra peggiore rispetto anche a Bucha.

Da non perdere

L’invasione russa è “una minaccia alla sicurezza dell’Europa e forse del mondo“. Lo ha detto Mark Milley capo di stato maggiore degli Stati Uniti in una audizione parlamentare. Secondo il Pentagono, ci troviamo ad affrontare “due potenze globali: la Cina e la Russia, ciascuna con significative capacità militari ed entrambe volte a cambiare le regole basate sull’attuale ordine mondiale”. Dal paese Stars and Stripes arrivano altri aiuti in direzione Ucraina. Infatti, il segretario di stato Anthony Blinken ha “autorizzato, a seguito di una delega del presidente, 100 milioni di dollari per venire incontro all’urgente bisogno dell’Ucraina di sistemi antiaerei”.

Twitter, misure restrittive per contrastare la propaganda russa

Twitter ha annunciato l’introduzione di misure che limiteranno l’impatto della propaganda ufficiale russa sull’Ucraina sul suo social network. Gli account ufficiali della Federazione non verranno più “raccomandati” agli utenti su tutte le categorie dell’app, inclusa la ricerca, fa sapere la piattaforma in un comunicato. I vari social network erano già intervenuti con la messa al bando dei media ufficiali russi Rt e Sputnik, considerate fabbriche di fake news.

Borodyanka, peggio di Bucha

Un funzionario ucraino, intervistato dal New York Times, ha riferito che 200 persone sono scomparse e presumibilmente morte nella città di Borodyanka, a nord-ovest di Kiev. Georgii Yerko, sindaco ad interim della città, sostiene che il numero è una stima approssimativa e che la maggior parte dei corpi erano probabilmente intrappolati tra le macerie degli appartamenti crollati. Lo stesso presidente Volodymyr Zelensky aveva avvertito che il bilancio civile a Borodyanka era probabilmente “molto peggiore” di quello della vicina Bucha.

Bucha, scoperta nuova fossa comune

Proprio nella città divenuta tristemente simbolo dei crimini di guerra, pare sia stata scoperta una nuova fossa comune. A riferirlo è il Guardian, che riporta una foto dall’alto della fossa con alcune persone intorno, nelle vicinanze di una chiesa. Il sindaco della città ha detto alla Bbc che le vittime civili sono 320, aggiungendo di aver assistito personalmente a “esecuzioni” da parte dei russi. La procuratrice ucraina, Irina Venediktova ha annunciato che almeno 5mila crimini di guerra commessi dagli invasori sono al momento oggetto d’indagine.

Mariupol, Ucraina (fonte: telegram)

Mariupol, proseguono i combattimenti

Il ministero della difesa britannico è sicuro che la situazione umanitaria nella città assediata di Mariupol stia peggiorando a causa dei continui attacchi aerei russi e dei pesanti combattimenti. “La maggior parte dei 160mila residenti rimasti non ha luce, comunicazione, medicine, calore o acqua“, ha detto il ministero nel suo ultimo aggiornamento di intelligence.

Dnipropetrovsk, colpito deposito di carburante

Le forze russe hanno attaccato un deposito di carburante e una fabbrica nella regione ucraina di Dnipropetrovsk, ha riferito il governatore Valentyn Reznichenko sul suo canale Telegram. Il numero delle vittime non è ancora chiaro. “La notte è stata allarmante e difficile. Il nemico ha attaccato la nostra zona con raid aerei e ha colpito il deposito di petrolio e uno degli impianti. Il deposito di petrolio con carburante è stato distrutto. I soccorritori stanno ancora spegnendo le fiamme nell’impianto“, ha scritto Reznichenko.

Luhansk ai residenti: “Scappate finché potete”

Le autorità della regione di Luhansk hanno esortato i residenti ad evacuare attraverso uno dei cinque corridoi umanitari. L’Ucraina sostiene che le truppe russe si stanno raggruppando e preparandosi per una nuova offensiva nell’area del Donbass. “Porteremo tutti fuori se i russi ci permetteranno di arrivare al punto di incontro“, ha scritto il governatore della regione, Serhiy Gaidai su Telegram.  “Faccio appello a tutti i residenti della regione di Luhansk, evacuate mentre è sicuro. Mentre ci sono autobus e treni, cogliete l’occasione”, questo l’appello di Gaidai. Nella notte, infatti, sono stati registrati bombardamenti in varie città della regione che hanno causato un morto e 5 feriti, dati riportati dal governatore stesso.

Ultime notizie