martedì, 24 Maggio 2022

Lui nel bagagliaio con un capretto morto, lei al posto di guida: in Calabria duplice omicidio avvolto nel mistero

Ritrovati nelle campagne di Castrovillari i corpi senza vita di un uomo e di una donna crivellati da numerosi colpi di arma da fuoco. Il corpo dell'uomo era nel bagagliaio insieme a un capretto morto, la donna al posto di guida.

Da non perdere

Il movente del duplice omicidio avvenuto ieri sera, 4 aprile, a Castrovillari, in provincia di Cosenza, resta avvolto nel mistero. I cadaveri di un uomo e una donna sono stati trovati all’interno di una Mercedes ferma in una strada interpoderale e isolata, in località Gammellone-Cammarata di Castrovillari. I due sono stati uccisi con numerosi colpi di arma da fuoco. L’allarme è stato dato da un residente della zona, insospettito per la presenza della vettura. Quando sono arrivati i Carabinieri, l’auto era ferma sul ciglio della strada con i fari ancora accesi. Dai primi accertamenti, sarebbero stati uccisi qualche ora prima il ritrovamento dei cadaveri.

Il corpo dell’uomo, un 57enne di Cassano allo Ionio, era nel bagagliaio dell’auto insieme a un capretto morto; mentre la donna, di origini marocchine e residente a Villapiana, è stata ritrovata al posto di guida. Secondo quanto emerso, l’uomo già nel 2013 era stato vittima di un agguato, nel quale era rimasto ferito. Sul posto sono giunti i Carabinieri di Castrovillari, il Procuratore e il medico legale che ha effettuato l’esame esterno dei cadaveri. Resta da accertare il movente, ma l’ipotesi che viene maggiormente tenuta in considerazione, è quella di una vendetta maturata negli ambienti della locale criminalità organizzata.

Ultime notizie