domenica, 22 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, il mondo condanna l’orrore a Bucha. L’Onu: “Da inizio invasione uccisi 1.417 civili tra cui 59 bambini”

Le terribili immagini di Bucha scatenano le reazioni dei leader occidentali che chiedono nuove sanzioni e la discussione dello stop delle forniture di gas dalla Russia. Secondo i dati Onu, sono 1.417, tra cui 59 bambini, i civili morti dall'inizio dell'invasione.

Da non perdere

Civili morti per strada. Corpi inermi senza alcuna colpa. Ieri, 3 aprile, i social sono stati inondati da messaggi, pensieri e immagini che testimoniano quanto una guerra sia crudele, casomai ce ne fosse ancora bisogno. Un atto da condannare, l’ennesimo simbolo di uno scontro che non sembra volersi fermare. “Voglio che ogni madre di ogni soldato russo veda i corpi delle persone uccise a Bucha, a Irpin, a Hostomel“, commenta il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Dal 24 febbraio – giorno dell’invasione – al 2 aprile, l’Ufficio dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha registrato 1.417 morti e 2.038 feriti. Tra i decessi si contano 293 uomini, 201 donne, 22 ragazze e 40 ragazzi, oltre a 59 bambini e 802 adulti il cui sesso è ancora sconosciuto. Il numero dei bambini feriti è, invece, 92.

Immagini satellitari di una fossa comune a Bucha (fonte: telegram)

Aggiornamenti dal fronte

Secondo la Bbc, nella notte sono state avvertite esplosioni nella città portuale di Odessa. Le autorità locali non hanno ancora confermato gli attacchi, ma il l Kyiv Independent ha riportato che alcune esplosioni si sono verificate anche a Kherson, capoluogo regionale nel zona meridionale dell’Ucraina.  Secondo Dmytro Zhyvytsky, governatore della regione di Sumy, le forze russe hanno lasciato l’area. “L’esercito ucraino e i battaglioni di difesa li hanno respinti attraverso l’oblast di Chernihiv“, ha sottolineato Zhyvytsky. Nel frattempo, lo Stato Maggiore ucraino ha dichiarato che le forze di Kiev hanno sventato sette attacchi nel territorio di Donetsk e Lugansk nelle ultime 24 ore. Secondo l’esercito ucraino, la Russia starebbe mobilitando 60mila soldati. Kiev sostiene che Mosca abbia lanciato una “mobilitazione nascosta” per sopperire alle unità perse durante i combattimenti in Ucraina.

Tutti condannano i fatti di Bucha

Il Cremlino nega le accuse mosse per i crimini di guerra denunciati a Bucha. La portavoce del ministero degli esteri russo, Maria Zakharova ha affermato che quanto successo è una messa in scena da parte di Kiev per “interrompere i colloqui di pace e intensificare la violenza”. Già da ieri, la Germania ha chiesto all’Unione Europea di discutere lo stop delle forniture di gas dalla Russia. Dello stesso avviso è il nostro ministro degli esteri Luigi Di Maio. Mentre dalla Francia, il presidente Emmanuel Macron afferma che sono necessarie ulteriori sanzioni contro la Russia dopo la denuncia dell’Ucraina per i fatti di Bucha.

Ultime notizie