mercoledì, 18 Maggio 2022

“Devo seppellire il cane” e fa scavare una fossa in giardino: la polizia scopre l’omicidio del marito. Arrestata negli Usa 48enne siciliana

A dare il via alle indagini la denuncia del figlio della coppia, che da un po' di tempo non riusciva a parlare con suo padre al telefono. I coniugi, entrambi originari della provincia di Palermo, ma residenti in Pennsylvania, erano molto conosciuti in quanto titolari della pizzeria "Pina's Pizza"

Da non perdere

Aveva incaricato e pagato 350 dollari una ditta per farsi scavare una fossa lunga due metri, larga novanta centimetri e altrettanto profonda, per seppellire il suo cane, ma in realtà voleva usarla per sbarazzarsi del corpo del marito, che aveva ucciso qualche giorno prima. Ma poco dopo la fine dei lavori, con la fossa scavata e il cumulo di terra ancora fresca, sono arrivati in casa i poliziotti con un mandato di perquisizione ed hanno trovato il corpo della vittima in stato di decomposizione, avvolto in un telo blu e in un piumone, come riferito dal quotidiano locale The Philadephia Inquirer. A quel punto, la donna – Annamaria Tolomello, 48 anni – ha confessato di aver sparato con una pistola calibro 38 alla tempia del marito – Giovanni Gallina, 65 anni – il 13 marzo, perché durante una lite lui aveva provato a soffocarla in camera da letto. Nelle due settimane successive, poi, avrebbe cercato di nascondere il delitto, gettando un materasso intriso di sangue in un cassonetto e ripulendo l’arma del delitto dalle proprie impronte digitali.

I due coniugi, entrambi originari di Carini, in provincia di Palermo, ma residenti a Chalfont, in Pennsylvania, erano molto conosciuti in quanto titolari della pizzeria “Pina’s Pizza”. A dare il via alle indagini è stata la denuncia del figlio della coppia, Philipp, residente in Italia, che ha riferito alla polizia locale che non sentiva suo padre dal 16 marzo scorso – i due parlavano spesso al telefono – e che, chiedendo insistentemente di lui a sua madre, questa gli riferiva che era partito per lavoro e aveva lasciato il telefono in pizzeria. Inoltre, i dipendenti della pizzeria avevano riferito alla polizia americana che non vedevano il loro capo da un po’. La donna è accusata di omicidio criminale, abuso di cadavere, manomissione di prove e altri reati correlati.

Ultime notizie