domenica, 22 Maggio 2022

I Matti delle Giuncaie, dalla Maremma con folkrore rock: fuori il nuovo singolo “Il Mondo senza noi”

Il brano anticipa il quinto album che verrà pubblicato a giugno dall'etichetta Salty Music la quale cura anche l'imminente tour.

Da non perdere

Da oggi è disponibile in esclusiva su piattaforma Bandcamp (al costo di 1,50€) “Il mondo senza noi” il nuovo singolo della band hard folk maremmana Matti delle Giuncaie. Il brano anticipa il quinto album che verrà pubblicato a giugno dall’etichetta Salty Music la quale cura anche l’imminente tour.

“Il mondo senza noi” è una canzone concepita durante il primo lockdown da Covid19 e risente di un periodo per tutti difficile, ma la sorte si è accanita e il brano viene rilasciato in concomitanza di una situazione ancora più drammatica cioè un conflitto che vede soffrire vittime innocenti.

“Ma ti immagini un mondo senza noi?” – recita il testo scritto da Lapo Marliani e Francesco Ceri – provocando l’ascoltatore e favorendo la riflessione: “Sarebbe un mondo senza guerra, senza inquinamento, senza sofferenza?“.
Sul finale il videoclip lancia una risposta, un NOI gigantesco scritto con tanti strumenti musicali nel bel mezzo della maestosità del Parco Naturalistico Geotermico delle Biancane (nel Comune di Monterotondo Marittimo in provincia di Grosseto) a ricordarci che solo insieme possiamo risolvere i problemi che oggi affliggono il mondo.

” Il brano, e buona parte del prossimo album, è nato durante il primo lockdown” – racconta Lapo Marliani voce e chitarra della band“Quello che ci ha colpito di più di quell’assurdo periodo era il non potersi vedere ma solo immaginare: il mondo esterno senza noi umani. Siamo sicuri che un mondo senza umani non se la passi meglio? In un periodo in cui esibirsi in concerto era proibito è stato anche un’occasione per riflettere sul nostro ruolo di artisti all’interno della società. Pensiamo che gli artisti debbano non solo intrattenere ma anche lanciare spunti di riflessione, magari ridendo del problema definendolo “ridicolo come un tentacolo” oppure chiedendosi, a parte noi umani, ma “chi se ne frega poi dell’Homo Sapiens?

Ultime notizie