venerdì, 20 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, aprire le frontiere ai soldati dissidenti per fermare il conflitto

Non possiamo fermare la guerra, ma possiamo almeno offrire una via d'uscita. Accogliere i disertori potrebbe bloccare l'ingranaggio della macchina bellica russa.

Da non perdere

Le sanzioni imposte dall’Occidente non bastano per bloccare Putin. Ma una via d’uscita bisogna trovarla. Non sarà l’intervento della Nato, che scatenerebbe la terza guerra mondiale. Ma potrebbe essere l’apertura delle frontiere, oltre che ai civili, anche ai soldati che non vogliono più combattere. Nei prossimi giorni, il parlamento danese voterà una legge speciale che garantirà ai profughi ucraini un permesso di soggiorno di due anni. In molti hanno suggerito di estendere il provvedimento anche ai soldati russi e bielorussi che non vogliono fare la guerra.

Forse tutto il mondo potrebbe offrire asilo a chi rischia la vita per contraddire la propaganda russa. A chi rischia 15 anni di carcere perché chiama la guerra con il suo vero nome. Il nostro avversario è Putin, non il popolo russo, non i soldati russi che non vogliono uccidere i loro fratelli ucraini.

Accogliere i disertori potrebbe bloccare l’ingranaggio della macchina bellica russa. Sarebbe sostenere concretamente la resistenza degli Ucraini. Non possiamo fermare la guerra, ma possiamo almeno offrire una via d’uscita.

Ultime notizie