domenica, 29 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, notte di raid sugli ospedali. Occhi puntati sull’incontro Kuleba-Lavrov in Turchia

L'incontro tra Kuleba e Lavrov apre un'altra giornata di mediazioni, dopo una notte di continui attacchi aerei. Nel pomeriggio attesa la chiamata tra Erdogan e Biden.

Da non perdere

Dallo scalpore per quanto accaduto ieri a Mariupolall’attesa per l’incontro in Turchia tra il ministro degli esteri russo Serghei Lavrov e il suo omologo ucraino Dmitry Kuleba. La notte scorsa si sono verificati altri attacchi secondo quanto riportato dalle fonti ucraine. Nel frattempo, gli Stati Uniti proseguono nelle sanzioni e votano a favore di un pacchetto di aiuti da destinare a Kiev. L’attesa è tutta per l’esito dell’incontro tra i due ministri degli esteri.

L’incontro tanto atteso tra Lavrov e Kuleba

È iniziato in Turchia, precisamente sulla costa turchese, ad Antalya, l’incontro tra Lavrov e Kuleba. Il faccia a faccia tra i due arriva a margine del Forum sulla diplomazia e sarà il primo fra i due dall’inizio del conflitto. Un meeting fortemente voluto dal presidente turco  Recep Tayyip Erdogan, che prova a vestire i panni del mediatore. Un ruolo che porterà sempre oggi, 10 marzo, ad una telefonata con il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, prevista nel primo pomeriggio ora italiana.

Stati Uniti: pacchetto di aiuti per l’Ucraina, blocco di petrolio e gas russo

Oltreoceano, precisamente in quel di Washington, il congresso Usa ha votato a favore di un pacchetto di aiuti per un totale di quasi 14 miliardi di dollari da destinare all’Ucraina. La Camera dei Rappresentanti, anche detta Camera Bassa, ha approvato il bilancio per un totale di circa 1,5 trilioni di dollari di spesa fino a settembre, a meno di 48 ore prima dalla scadenza. Il testo non prevede solo una componente economica e umanitaria, ma anche armi e munizioni per Kiev. Adesso, si attende il voto della Camera Alta, il Senato, prima che la legge possa essere firmata da Joe Biden.

La Camera dei rappresentanti ha anche votato con un’ampia maggioranza bipartisan il divieto di importazione di petrolio, gas naturale e carbone russi negli States. Il disegno di legge, come appreso da Cnn, prevede anche misure per rivisitare il ruolo della Russia nell’Organizzazione mondiale del commercio. Inoltre, autorizza nuovamente il ricorso al Magnitsky Act (pubblicato nel 2012) per rafforzare le sanzioni contro la Russia in materia di violazioni dei diritti umani.

A non essere presente a Washington è la vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris arrivata nella notte a Varsavia per incontrare il presidente polacco Andrzej Duda e il premier Mateusz Morawiecki. Tema centrale degli incontri, sarà la questione legata al trasferimento di jet polacchi direzione Ucraina. La posizione del Pentagono è chiara: al momento, fuori discussione. Harris incontrerà anche il premier canadese Justin Trudeau, anche lui attualmente si trova nel paese polacco.

Ucraina, notte di raid russi su ospedali

I raid aerei russi sono continuati nella notte, alcuni hanno colpito due ospedali ed una centrale elettrica nella città di Zhytomyr, a ovest di Kiev. Purtroppo è difficile verificare i dati su un possibile numero di vittime. Attacchi aerei si sono verificati anche sulla città di Okhtyrka, nella regione di Sumy, zona nord-est dell’Ucraina. In questo caso, ci sarebbe stata la morte di un ragazzo 13enne e di due donne, notizie rilevate da Bbc e Guardian tramite dichiarazioni di responsabili locali. Un terzo attacco è avvenuto nel villaggio di Slobozhanske, nei pressi della città di Kharkiv. I Servizi di emergenza statale dell’Ucraina parlano di 4 morti, di cui 2 bambini. Sembra essere stata ferita anche una bambina di 5 anni, portata d’urgenza in ospedale. Intanto, come riferisce la Bbc, i soccorritori proseguono nella ricerca di corpi da estrarre sotto le macerie.

Ultime notizie