martedì, 24 Maggio 2022

Busta paga leggera se la pausa in bagno è più lunga: domiciliari per un imprenditore divieto di dimora per l’altro

Nel Salernitano, due imprenditori sono stati fermati per aver decurtato la paga agli operai che impiegavano, secondo loro, troppo tempo per andare in bagno.

Da non perdere

“Non ho neanche il tempo per andare in bagno”. Spesso, a fine giornata sono queste le chiacchierate che si sentono in giro, riprese da lavoratori che magari hanno appena finito il loro turno. Una frase che probabilmente è stata pronunciata anche da alcuni dipendenti nel Salernitano.

Infatti, i Carabinieri del Reparto Tutela Agroalimentare di Salerno, oggi 8 marzo, hanno notificato due misure cautelari nei confronti altrettanti imprenditori. I due fermati, quando ritenevano che il tempo di permanenza in bagno dei lavoratori era eccessivo, decurtavano la paga o, addirittura, la annullavano del tutto. Gli imprenditori, già il 26 maggio 2021, avevano subito il sequestro 800 tonnellate di concentrato di pomodoro egiziano contenenti pesticidi oltre il consentito, in parte venduto e spacciato per un prodotto italiano.

Le indagini

Dalle attività investigative coordinate dalla Procura di Nocera Inferiore, sono emersi gli indizi che hanno convinto gli inquirenti a chiedere e ottenere dal giudice i provvedimenti. I due soci, A.P.M.T. e A.D.M. , di una industria conserviera in provincia di Salerno, adesso si trovano rispettivamente uno arresti domiciliari e un divieto di dimora. Le indagini, inoltre, hanno stabilito che i dipendenti dell’azienda ricevevano 4,35 euro per ciascuna ora di lavoro, con turni massacranti. La Procura ha anche notificato un sequestro preventivo di circa 980mila euro. Secondo gli agenti, la somma corrisponderebbe ai costi d’impresa risparmiati illegalmente attraverso le presunte condotte illecite. In più, la Direzione Provinciale Inps ha comminato sanzioni amministrative per 275.600 euro.

Ultime notizie