mercoledì, 25 Maggio 2022

Torino, accusato di stupro e “riconosciuto” dalla vittima: bracciante agricolo scagionato dal dna

La vittima dello stupro aveva riconosciuto il presunto aggressore tra otto foto segnaletiche, ma il dna non corrisponde. Le indagini ora devono ripartire da zero.

Da non perdere

Accusato ingiustamente di un aver violentato una donna in una ex fabbrica di Torino, con la prospettiva di dover affrontare un processo penale. È accaduto a un cittadino africano, scagionato oggi da un giudice di Torino durante l’udienza preliminare. I fatti risalgono a dicembre 2020, quando la vittima dello stupro ha riconosciuto l’uomo tra otto foto segnaletiche e lo ha denunciato. Da qui è iniziata la vicenda giudiziaria, durante la quale l’accusato ha dichiarato a più riprese la sua innocenza.

Il giudice ha disposto così l’esame del dna per l’incidente probatorio. La scienza per fortuna è venuta in suo aiuto. Il profilo genetico del bracciante agricolo non corrisponde infatti a quello trovato sui vestiti che la vittima indossava quel giorno. Ora le indagini devono ripartire da zero, mentre la Procura ha richiesto l’archiviazione di tutte le accuse contro di lui.

Ultime notizie