mercoledì, 25 Maggio 2022

In taxi consegnavano ‘a domicilio’ la droga: smantellato giro di spaccio a Torino, sei misure cautelari

Le indiziati colpiti dai provvedimenti avrebbero fornito un servizio di 'delivery' ai clienti: l’ordine si effettuava telefonicamente e poi si riceveva la droga (principalmente crack e cocaina) direttamente a casa.

Da non perdere

La Guardia di Finanza di Torino ha eseguito misure cautelari personali nei confronti di stranieri e italiani per il reato di spaccio di droga, principalmente nei quartieri torinesi di Mirafiori e Santa Rita, nonché in alcuni comuni della prima cintura del capoluogo piemontese. Le indagini, condotte dai Finanziari del Gruppo Orbassano, durate più di un anno e coordinate dalla Procura della Repubblica di Torino, hanno consentito di effettuare numerosi sequestri di droga tra spacciatori ed acquirenti, permettendo, altresì, di raccogliere elementi per ricostruire in ipotesi di accusa la complessa ed articolata filiera di spaccio.

Le indiziati colpiti dai provvedimenti, secondo gli elementi raccolti, avrebbero fornito un servizio di ‘delivery’ a favore dei ‘clienti’, potendo effettuare l’ordine telefonicamente e ricevere la droga (principalmente crack e cocaina) presso la propria abitazione. Le persone coinvolte nell’operazione, secondo quanto emerso nelle indagini, avrebbero agito da ‘corrieri’ dell’organizzazione e spesso, per depistare le Forze dell’Ordine, avrebbero utilizzato per i propri spostamenti dei taxi. Al termine dell’operazione, denominata ‘Taxi driver’, ferma restando la presunzione di innocenza fino a compiuto accertamento delle responsabilità in tutti i gradi di giudizio, sono state messe in esecuzione 6 misure cautelari, di cui 4 in carcere e 2 con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Due destinatari della misura, allo stato, sono risultati irreperibili.

Ultime notizie