domenica, 29 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, Zaporizhzhia controllata dai russi. Okhtyrka senza elettricità e acqua. Pechino prende le distanze da Putin – VIDEO

La centrale nucleare di Zaporizhzhia è sotto il controllo dei russi. Mariupol invece è ancora controllata dagli ucraini, ma si trova sotto assedio. Intanto, la Cina interrompe attività finanziarie in Russia e Bielorussia e chiede la salvaguardia degli impianti nucleari.

Da non perdere

Nella notte che precede il nono giorno del conflitto tra Russia Ucraina, i media di tutto il mondo hanno riportato l’assalto dell’esercito russo sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Dopo alcune ore di attacchi, le forze militari russe hanno preso il controllo della centrale. Nella notte si sono susseguiti una serie di combattimenti, anche a Eregodar, città già duramente colpita durante la giornata di ieri e dove insiste un’altra centrale nucleare. Proprio gli ultimi sviluppi hanno probabilmente convito la Cina a prendere le distanze da Putin, Cina che a questo punto chiede la salvaguardia degli impianti nucleari ucraini.

Chiarimenti sull’attacco a Zaporizhzhia

La centrale nucleare attaccata e colpita questa notte, è situata sulle rive del fiume Nipro, nella citta di Zaporizhzhia. Inoltre, va anche detto che l’obiettivo dell’esercito russo è 10 volte più grande della centrale di CernobylDa questo punto di vista, è vero che un incendio in una centrale nucleare – o vicino ad essa – è molto pericoloso, ma è meglio specificare alcune cose. I reattori della centrale di Zaporizhzhia sono di tipo VVER e non RBMK come quelli di Cernobyl. Le differenze tra i due modelli di reattore sono importanti:

  • In linea di principio, un reattore VVER non ha i cosiddetti feedback positivi, ovvero in caso di perdita di refrigerante e di raffreddamento del nocciolo, la reazione a catena della combustione del combustibile nucleare si estingue e non accelera, come nel caso di reattore RBMK;
  • Il nucleo VVER non contiene una sostanza combustibile (grafite), che nel nucleo RBMK è presente per circa 2mila tonnellate;
  • Il reattore VVER ha un contenimento che impedisce alla radioattività di lasciare la centrale nucleare anche se il reattore viene distrutto. È impossibile realizzare un unico cappuccio di protezione per quanto riguarda il modello RBMK a causa della grande diramazione dei tubi del circuito del reattore.

Il vantaggio più importante del reattore VVER è la sua grande sicurezza, il cui significato è stato pienamente compreso, sfortunatamente, solo dopo il disastro di Chernobyl, sebbene questa tecnologia fosse già conosciuta al tempo. Quindi l’attacco c’è stato e la Russia ha interessi concreti nel prendere il controllo delle centrali nucleari ucraine, ma per il momento si tratterebbe solo di una strategia per lasciare l’Ucraina senza energia.

Cina, AIIB interrompe attività finanziarie in Russia e Bielorussia

La Asian Infrastructure Investment Bank ha dichiarato di aver sospeso tutte le attività relative sia in Russia che in Bielorussia alla luce “dell’evoluzione della situazione economica e finanziaria”. Questa decisione è un ulteriore segno dei limiti del sostegno di Pechino a Mosca, sempre più sola nella sua guerra all’Ucraina.

Cina, richiesta la salvaguardia degli impianti nucleari ucraini

Wang Yi, ministro degli esteri cinese ha esortato tutte le parti a garantire la sicurezza degli impianti nucleari in Ucraina, dopo gli accadimenti della notte. “Monitoreremo la situazione e invitiamo tutte le parti ad esercitare moderazione, per evitare l’escalation e garantire la sicurezza degli impianti nucleari pertinenti”, ha detto il portavoce del ministero, Wang Wenbin. L’Ucraina è estremamente dipendente dall’energia nucleare ed ha, al suo interno, 15 reattori. Un complesso di impianti che generano circa la metà dell’elettricità del paese, secondo un report della World Nuclear Association.

Ucraina, Okhtyrka senza elettricità e riscaldamento

Ieri, 3 marzo, un attacco aereo russo ha distrutto la centrale elettrica di Okhtyrka, una città situata tra Kharkiv e Kiev, lasciando i residenti senza riscaldamento o elettricità, secondo quanto detto dal Presidente della regione. “Stiamo cercando di capire come portare le persone fuori dalla città con urgenza, perché in un giorno i condomini si trasformeranno in una fredda trappola senza acqua, luce o elettricità”, ha detto Dmytro Zhyvytskyy su Telegram. Okhtyrka è strategicamente importante perché ospita una base militare fondamentale. La scorsa settimana circa 70 soldati ucraini sono morti in un attacco russo, proprio ad Okhtyrka.

Regno Unito: “Mariupol è sotto il controllo dell’Ucraina”

Mariupol, la principale città portuale ucraina, è ancora sotto il controllo di Kiev, secondo il ministero della difesa del Regno Unito. Gli attacchi dell’esercito russo si sono intensificati però nelle ultime ore. La città è quindi ancora sotto assedio.

Mosca, pene detentive per chi diffonderà informazioni “false” sull’esercito

La Duma ha approvato una legge che consentirà alle autorità di mettere in prigione persone per aver diffuso informazioni “false” sull’esercito del paese. Le pene arriverebbero fino ad un massimo di 15 anni. Nella legge si rende anche reato penale la richiesta di sanzioni contro la Russia. Intanto, Mosca intensifica il suo lavoro per cercare di controllare e deviare la narrativa interna sulla guerra in Ucraina.

Ultime notizie