domenica, 22 Maggio 2022

I Tears for Fears, è uscito finalmente “The tipping Point”: il ritorno sulle scene dopo diciassette anni

Un disco che racconta questi ultimi anni fatti di dolore, incomprensioni e sacrificio. I Tears for Fears sono tornati,

Da non perdere

Abbiamo dovuto aspettare diciassette anni per il loro ritorno, ma alla fine dopo diverse vicissitudini che li hanno anche visti in contrasto, Roland Orzabal e Curt Smith sono tornati in studio per incidere un nuovo album, si chiama “The Tipping Point”.

Nato durante il lockdown, arrivato dopo tanta sofferenza (Roland Orzabal ha perso la moglie per un male incurabile) e tra mille incomprensioni tra i due, avevano cercato di ritornare in passato insieme ma senza successo come il singolo “Everybody Loves a Happy Ending” . Si sente tutto nel disco, negli equilibri, nelle sonorità che hanno sicuramente avuto una evoluzione, probabilmente non al livello di “The Hurting” o “Songs from the big chair” ma hanno una veste tutta nuova, un ponte che dal passato gli ha proiettati verso gli anni 20.

Una produzione apparentemente semplice, senza ospiti di spicco, ma solo con la voglia di ritornare, al lavoro con Sacha Skarbek, Florian Reutter e Charlton Pettus. Il disco va anche in direzioni diverse, dal folk, mai toccato prima dalla band di Bath, al synth rock per poi toccare le sonorità a cui siamo da tempo abituati. Ma quello che alla fine traspare è la profonda emotività, il desiderio di trasmettere le proprie emozioni, i propri dolori, le difficoltà incontrate in questi ultimi anni, quelle personali e quelle nate tra di loro, insomma hanno tradotto i propri sentimenti in musica.

1983 – The Hurting
1985 – Songs from the Big Chair
1989 – The Seeds of Love
1993 – Elemental
1995 – Raoul and the Kings of Spain
2004 – Everybody Loves a Happy Ending
2022 – The Tipping Point

Ultime notizie