martedì, 24 Maggio 2022

Vuole hackerare il telefono della ex moglie, prende a calci l’informatico e gli rompe una mano: arrestato

Conoscendo le abilità informatiche lo ha pestato a calci e pugni, fino a rompergli una mano, con lo scopo di violare il telefono della ex moglie e del presunto amante. Arresti domiciliari per l'ex marito, che però era già in carcere.

Da non perdere

A Cropani, in provincia di Catanzaro, i Carabinieri hanno notificato ad un uomo l’ordinanza di applicazione della custodia cautelare degli arresti domiciliari per tentata estorsione, lesioni e minacce. La notifica è avvenuta in carcere, dove si trova per altra causa. L’uomo, forse convinto che la ex moglie avesse un amante, era deciso a violare lo smartphone dei due, per far ciò si sarebbe rivolto a una persone dalle note abilità informatiche. L’arrestato è dunque accusato di averlo minacciato di morte aggredito a calci e pugni, fino a provocargli un trauma cranico e la frattura di un dito della mano sinistra, il tutto per consentirgli di avere accesso al contenuto dei due telefoni e dei messaggi scambiati.

Sempre a Catanzaro si è verificata un’altra vicenda simile. I Carabinieri hanno posto agli arresti domiciliari un uomo, accusato di aver molestato e aggredito l’ex moglie, provocandole uno stato d’ansia e la necessità cambiare le proprie abitudini. Deve rispondere di atti persecutori nei confronti anche dei familiari della donna. Alla base di tutto, anche in questo caso, la fine della relazione tra i due, evidentemente non accettata. Il provvedimento di custodia cautelare è stato emesso dal Gip di Catanzaro su richiesta della Procura.

Ultime notizie