domenica, 29 Maggio 2022

Stato di Emergenza, l’annuncio di Draghi: “Nessuna proroga dopo il 31 marzo”

Addio alle Regioni a colori, alle mascherine FFP2 in classe e alle quarantene dal 1° aprile 2022. Il certificato verde sarà pian piano eliminato, a cominciare dalle attività sportive e dagli spettacoli. Dopo 2 anni e 2 mesi termina lo Stato di Emergenza.

Da non perdere

“Voglio annunciare che è intenzione del Governo non prorogare lo stato d’emergenza oltre il 31 marzo”. Così il Premier Mario Draghi ha annunciato le prossime azioni dell’Esecutivo sulla pandemia al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Lo stato di emergenza in Italia era scattato il 31 gennaio 2020, su richiesta del Ministero della Salute e con pubblicazione poi in Gazzetta Ufficiale il giorno successivo.

Secondo il Presidente del Consiglio “la situazione epidemiologica è in forte miglioramento, grazie al successo della campagna vaccinale”. Quanto l’Italia riuscirà a riprendersi economicamente dipende anche da come affronta la pandemia e adesso ci sono le condizioni per eliminare le restrizioni rimaste. L’obbligo della mascherina FFP2 in classe e le zone a colori per le Regioni spariranno dal 1° aprile. Stessa fine faranno le quarantene. Pur monitorando la situazione, il green pass rafforzato sarà sempre meno necessario per praticare sport e partecipare agli eventi. Continueranno gli aiuti agli operatori del turismo e agli stagionali. Resta il credito di imposta per gli affitti.

Sul caro bollette “incrementiamo la produzione nazionale di energia rinnovabile e di gas, che potrà essere venduto a prezzi più contenuti di quello importato. E aiutiamo le Regioni e i Comuni a sostenere i servizi di base, come l’illuminazione pubblica”. Infine, Draghi rinnova l’impegno del Governo sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. “Dobbiamo attuare il Piano a stretto contatto con associazioni ed enti locali” conclude.

Ultime notizie