venerdì, 20 Maggio 2022

Viterbo, fatture false per operazioni inesistenti: sequestrati beni per 8 milioni di euro a imprenditore

Sequestrati numerosi immobili ed autovetture, un’imbarcazione del valore di circa 400mila euro, quote di società operanti in svariati settori quali commercio di autoveicoli, commercio di motocicli, attività immobiliari.

Da non perdere

La Guardia di Finanza di Viterbo assieme agli agenti della Sezione Polizia Stradale hanno messo sotto sequestro disponibilità finanziare e quote societarie di un noto imprenditore del posto, per un valore complessivo che supera gli 8 milioni di euro. A quanto pare, il soggetto in questione sarebbe stato definito “fiscalmente e socialmente pericoloso” e si sarebbe reso, già in passato, protagonista di un’attività commerciale criminale, impegnata nell’importazione e nella commercializzazione di beni in evasione di imposta. L’uomo, inoltre, avrebbe accumulato a partire dall’anno 2007 ingenti debiti verso l’erario. Un sistema fraudolento, questo, basato principalmente sulla falsificazione di documentazioni amministrative e fatture riconducibili ad attività commerciali inesistenti che hanno contribuito a “omettere il versamento a favore delle casse dell’erario di IVA Dovuta pari a Euro 5.400.000,00 e di IRES pari a Euro 1.500.000,00“.

Di fronte ai modesti redditi dichiarati dell’imprenditore, veniva paradossalmente avviata un’intensa attività di investimenti corrispondenti a circa 100 vetture, 50 motocicli e un’imbarcazione da diporto. Questi beni sarebbero stati, poi, rimessi sul mercato a prezzi relativamente più bassi rispetto a quelli imposti dalla concorrenza. A oggi, tutti i beni confiscati sarebbero stati depositati nelle mani di un amministratore giudiziario. Obiettivo principale della Polizia economico-finanziaria resta quello di restituire i beni all’intera comunità che si è sempre fatta portavoce di un’attività imprenditoriale a regola, nel rispetto della concorrenza del mercato, a discapito di quella “criminalità da profitto, ovvero da coloro i quali, lungi dall’essere occasionali evasori, vivono di traffici delittuosi o traggono il proprio reddito dai proventi dell’attività criminale“.

Ultime notizie