mercoledì, 25 Maggio 2022

Milleproroghe, il Governo incassa la fiducia: passa alla Camera con 369 voti a favore e 41 contrari

Il voto finale sul dl Milleproroghe è atteso entro domani, dopodiché la palla passerà nelle mani del Senato che il 24 febbraio sarà chiamato a confermarne la fiducia. Il provvedimento dovrà essere convertito in legge entro il 28 febbraio. 

Da non perdere

La Camera dei Deputati conferma la fiducia al Governo sul decreto legge Milleproroghe 2022, con 369 voti a favore e 41 contrari. La seduta nell’Aula di Montecitorio è stata sospesa e riprenderà in serata poter esaminare gli ordini del giorno presenti nel testo. Il voto finale sul dl Milleproroghe, concernente “disposizioni urgenti in materia di termini legislativi”, è atteso entro domani, 22 febbraio, dopodiché la palla passerà di nuovo nelle mani del Senato che il 24 febbraio sarà chiamato a confermarne la fiducia. Il provvedimento dovrà essere convertito in legge entro il 28 febbraio.

Le disposizioni previste dal decreto Milleproroghe riguardano tra le altre cose la possibilità di proroga per le assunzioni del personale pubblico, la rateizzazione delle cartelle esattoriali, i poteri rafforzati del Governo sulle operazioni straordinarie in settori strategici (il cosiddetto Golden power che riguarda sicurezza, difesa, energia, trasporti e comunicazioni), la proroga degli incentivi per gli impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biogas, nuove agevolazioni per interventi edilizi, aiuti alle imprese entro i massimali, bonus formativi e di aggiornamento professionale, ulteriori chiarimenti sulla circolazione dei monopattini. Nel testo del provvedimento sono presenti inoltre moltissime misure per la sanità, come il bonus per l’assistenza psicologica.

Ultime notizie