martedì, 24 Maggio 2022

Caro bollette, von der Layen annuncia accordo col Giappone: in arrivo carichi di gas naturale liquefatto

Il Giappone e l'Unione Europea hanno stretto un accordo che permetterà ai paesi UE di far fronte alla carenza di gas dettata dalle tensioni tra Russia e Ucraina. Con questa iniziativa il Giappone strizza l'occhio all'Occidente.

Da non perdere

Ursula von der Layen, presidente della Commissione europea, ha annunciato un accordo stretto con il Giappone. A margine di una videochiamata con il premier giapponese Kishida Fumio, il Paese del Sol Levante si è impegnato a trasferire alcuni carichi di gas naturale liquefanno (GNL) verso l’Europa. Un gesto di solidarietà a fronte della situazione critica al confine tra Ucraina RussiaSecondo le informazioni trasmesse da Agence France-Presse, diverse navi cisterna che trasportano (GNL), in un primo momento destinato al Giappone, hanno cambiato rotta per giungere in Europa, lo scorso mercoledì 9 febbraio. Consegne aggiuntive che dovrebbero arrivare in Europa questo mese, con altre in arrivo a marzo.

Una mossa inaspettata

Quella effettuata dal Giappone è una mossa che sottolinea l’intenzione di mostrarsi allineato con l’Occidente. “Nel contesto degli sviluppi internazionali sull’Ucraina, dobbiamo lavorare con i paesi del G7, in particolare con i paesi compagni che condividono i nostri valori”, ha affermato il ministro dell’economia giapponese Kōichi Hagiuda.

Gli Stati Uniti e l’UE sono stati tra i paesi che più hanno sostenuto il Giappone con la fornitura di GNL dopo che il terremoto del 2011 e lo tsunami hanno causato la fusione della centrale nucleare di Fukushima, costringendo la nazione ad aumentare le importazioni di GNL in modo da far fronte alla carenza di energia nucleare. Tuttavia, è probabile che il contributo del Giappone sia limitato, data la forte domanda interna.

Il più grande esportatore giapponese di petrolio e gas, Inpex Corp cercherà di rispondere alla richiesta del governo. Un’operazione difficile dato che la maggior parte della sua produzione di GNL è legata a contratti a lungo termine, ha affermato il CEO Takayuki Ueda. “Stiamo anche ricevendo richieste di forniture extra da clienti giapponesi a causa della forte domanda per l’inverno, il che significa che la nostra fornitura in eccesso è limitata”, ha affermato Ueda. Kazunori Kasai, CEO del braccio commerciale di JERA, uno dei maggiori importatori mondiali di GNL, ha anche affermato la scorsa settimana che le utility giapponesi avrebbero poche scorte di riserva.

Ultime notizie