sabato, 28 Maggio 2022

Crisi Ucraina, da oggi esercitazioni russe in Bielorussia: cala lo spettro del conflitto

Russia e Bielorussia hanno avviato da oggi, 10 febbraio, una serie di esercitazioni militari. Tutto questo culminerà in un conflitto armato?

Da non perdere

A partire da oggi, 10 febbraio, la Russia ha avviato una serie di esercitazioni militari congiunte in uno dei territori alleati, la Bielorussia di Alexander Lukashenko. Secondo i Paesi del blocco occidentale, Mosca starebbe organizzando una serie di movimenti per giungere allo scontro armato con l’Ucraina. Ad annunciare l’inizio delle manovre nel territorio della Russia bianca è stato Sergei Shoigu, ministro della difesa russo. Il programma militare denominato Union Resolve 2022 terminerà il 20 febbraio e si concentrerà sulla “soppressione e respingimento di aggressioni esterne”.

L’Ucraina e la difesa naturale ai carrarmati russi

Il potenziamento militare della Russia al confine ucraino ha innescato un nuovo campo di indagine: l’invasività. Se la Russia invaderà, come ritengono probabile sia America che Gran Bretagna, quando lo farà? Molti sono i fattori in gioco, dai tempi delle esercitazioni Russia-Bielorussia, iniziate oggi, alle Olimpiadi invernali in Cina (si dice che Xi Jinping abbia chiesto a Vladimir Putin di non rovinare il suo grande evento), che si concluderanno, il 20 febbraio giorno ultimo delle esercitazioni a casa Lukashenko. Ma un vincolo ampiamente discusso è il tempo. A gennaio l’amministrazione Biden avrebbe chiesto ai meteorologi di studiare le condizioni meteorologiche nella regione ucraina. Putin ha bisogno di attaccare prima che il suolo ucraino si disgeli a marzo o aprile. Il terreno fangoso potrebbe essere l’argine naturale ai carrarmati russi.

Le condizioni metereologiche sono da sempre fattori determinanti per le guerre nell’Europa orientale, tanto da avere un lemma dedicato. Rasputitsa, letteralmente “tempo senza strade”, si riferisce alla pioggia battente in autunno e allo scioglimento della neve e del ghiaccio in primavera, che trasformano le strade in paludi fangose. Tali condizioni hanno notoriamente ostacolato l’invasione della Russia da parte di Napoleone nel 1812. Hanno rovinato l’offensiva della Germania nazista contro Mosca nel 1941. “Le strade divennero rapidamente nient’altro che canali di fango senza fondo, lungo i quali i nostri veicoli potevano avanzare solo a passo di lumaca e con grande usura dei motori”, si lamentò Heinz Guderian, un generale tedesco, in quell’ottobre. “Il fango ucraino in primavera deve essere visto per crederci”, ha osservato un giornalista britannico durante un’offensiva sovietica nel 1944. “L’intero Paese è sommerso e le strade sono come fiumi di fango, spesso due piedi di profondità”.

Ultime notizie