domenica, 29 Maggio 2022

Vaccino anti-Covid, dal 28 febbraio esenzione valida solo col Qr code

Dal 28 febbraio sarà obbligatorio esibire il certificato di esenzione in formato digitale con Qr code. La versione cartacea non sarà più valida

Da non perdere

Dal 28 febbraio non sarà più possibile mostrare il certificato di esenzione da vaccino in formato cartaceo, ma come il Green pass da vaccino o da guarigione. Secondo una nota del Ministero della Salute, già dal 7 febbraio, come dichiarato dal Dpcm del 4 febbraio, queste certificazioni sono già rilasciate esclusivamente in versione digitale e saranno valide su tutto il territorio nazionale. Le persone che hanno già il certificato cartaceo di esenzione devono richiedere la nuova versione con il Qr code, similare a quello del Green pass, entro il 27 febbraio, data di scadenza per le certificazioni cartacee.

La documentazione con il Codice univoco di esenzione dalla vaccinazione (Cuev), che dà origine alla certificazione con Qr code, è consegnata gratuitamente, su richiesta del paziente, dai medici di base o pediatri di libera scelta, dai medici degli hub vaccinali pubblici o privati accreditati e dai medici operativi nella campagna vaccinale. Oltre il Cuev, all’assistito verrà inviato un SMS o una mail con un codice Authcode, che può sostituire il Cuev per scaricare la certificazione. L’app “Verifica C19” è già programmata per il riconoscimento di queste esenzioni e il Ministero aggiunge: “Si tutela in questo modo il diritto alla privacy dei cittadini esenti e si rendono più rapide le operazioni di verifica”.

Ultime notizie