sabato, 28 Maggio 2022

Firenze, 65enne picchiata e derubata in strada: rintracciato l’aggressore aveva già preso un uomo a sprangate

Una donna è stata picchiata e rapinata nei pressi della stazione di Firenze, mentre si recava al lavoro. L'aggressore aveva già fatto altre due vittime.

Da non perdere

Violenta aggressione in strada nei pressi della stazione di Firenze. Intorno alle 6:30 di domenica 6 febbraio una donna di 65 anni è stata picchiata e rapinata tra viale Fratelli Rosselli e via Alamanni. La vittima era al telefono con la sorella e si stava recando al lavoro, quando improvvisamente un uomo l’ha avvicinata e colpita al volto. L’aggressore, un 30enne originario del Gambiano risultato senza fissa dimora, era irregolare sul territorio italiano e già noto alle Forze dell’Ordine.

«Stavamo parlando di un matrimonio al quale ero invitata – ha raccontato la vittima al Corriere Fiorentino – quando improvvisamente un uomo africano si avvicina e mi colpisce con due pugni sul volto. Mi prende in un occhio, poi in bocca, il telefono cade a terra, urlo disperata, chiedo aiuto, ma non passa nessuno, mi passa tutta la vita per la mente, poi altre manate, mi spinge a terra, cerco di mettere le mani all’indietro per non cadere con la nuca, mi sfila la borsa e scappa, tremo di terrore». Maria Grazia, questo il suo nome, ha riportato una frattura del naso, un trauma cranio-facciale, una ferita al labbro inferiore e mentoniera con applicazione punti di sutura e tre denti rotti. Nonostante le gravi ferite è riuscita a fermare un’auto di passaggio per chiedere aiuto. Immediato l’intervento dei Carabinieri con una pattuglia del nucleo radiomobile che, transitando lungo viale Rosselli, è stata fermata da un passante che prestava le prime cure alla donna. Condotta all’ospedale Santa Maria Nuova, è stata poi dimessa con una prognosi di 30 giorni.

Un equipaggio del nucleo mobile dei Carabinieri ha individuato il presunto aggressore in via degli Orti Oricellari. L’uomo, che aveva mani e giubbotto sporchi di sangue, è stato trovato in possesso di effetti personali della vittima. Secondo quanto riportato si sarebbe reso responsabile di un’aggressione simile, verificatasi il 2 febbraio scorso. Sulle sue spalle anche un’accusa di tentato omicidio: avrebbe preso a sprangate in testa un uomo al quale aveva chiesto una sigaretta. Per questa aggressione è stato arrestato e poi scarcerato nell’aprile 2021. La donna, che ha sempre fatto solidarietà e sostenuto la causa dei migranti, si chiede ora di chi sia la responsabilità di quanto le è avvenuto, essendo evidente che nel sistema qualcosa non ha funzionato.

Ultime notizie