domenica, 29 Maggio 2022

Ucraina, vertice Macron-Putin. Il Cremlino “Incontro importante ma la situazione è difficile”

Si è tenuto oggi l'incontro tra il presidente francese e quello russo Putin sulla questione dell'Ucraina. Macron: "Il dialogo è l'unica opportunità per garantire sicurezza e stabilità all'Europa"

Da non perdere

Il presidente francese, Emmanuel Macron, è arrivato oggi a Mosca per l’incontro con Vladimir Putin, presidente russo, riguardo la crisi ucraina. Nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, i due presidenti non si sono salutati con la stretta di mano e hanno mantenuto la distanza di sicurezza sedendosi ai lati opposti di un tavolo ovale. La Tass (Agenzia telegrafica dell’Unione Sovietica) riferisce la speranza di Macron che i colloqui di Mosca portino a una “de-escalation” in Ucraina e che “il dialogo è l’unica opportunità per garantire sicurezza e stabilità all’Europa”. Putin, in risposta al presidente francese, ha lodato gli sforzi di Parigi per “risolvere la questione della sicurezza in Europa”.

Secondo il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, questo vertice è altamente rilevante, ma non ci si aspettano soluzioni definitive attorno alla questione ucraina. “Naturalmente la situazione è molto difficile per aspettarsi delle svolte decisive nel corso di un incontro”, ma quella di Macron “è una visita molto importante”, ha sottolineato Peskov, che ha aggiunto che il presidente Putin non prenderà parte alla Conferenza sulla sicurezza che si terrà a Monaco dal 18 al 20 febbraio, né in video, né di persona.

“La nostra posizione è molto chiara: se la Russia invade l’Ucraina, in un modo o nell’altro il Nord Stream 2 non deve andare avanti”. Queste le parole di un alto dirigente amministrativo USA, durante una conferenza sulla visita del cancelliere tedesco Scholz alla Casa Bianca. La fonte si è dichiarato “convinto che i tedeschi condividono le nostre preoccupazioni sull’aggressione russa”, pur non potendo parlare a nome di Berlino e ha garantito che gli Stati uniti “continueranno a lavorare molto strettamente con la Germania per garantire che il gasdotto non parta”.

Ultime notizie