sabato, 28 Maggio 2022

Pechino 2022, Brignone è Gigante: argento nello slalom dopo il bronzo di 4 anni fa

Federica Brignone, a distanza di quattro anni dal bronzo olimpico di PyeongChang, torna sul podio e si mette al collo una medaglia d'argento importantissima.

Da non perdere

Gigante, come la sfida affrontata, come la personalità nell’essere cinica e spietata al momento giusto. Federica Brignone si mette addosso la medaglia d’argento con colpi da vera fuoriclasse. La valdostana ha confermato quanto fatto vedere a PyeongChang 4 anni fa, quando per lei arrivò la medaglia di bronzo. Un traguardo raggiunto grazie all’aggressività portata nella prima discesa e affermata con esperienza nella seconda manche, dove serviva gestire senza scomporsi ma anche attaccare il tracciato nella maniera giusta. La 31enne si è arresa soltanto alla regina della specialità, la svedese Sara Hector. A chiudere il podio la svizzera Lara Gut-Behrami, che dopo la prima manche aveva solo l’ottavo tempo.

La gioia di Giovanni Malagò

“Una Federica strabiliante, eccezionale, una medaglia di grande valore, al di là del colore. Sapevamo che questa era una delle sue carte da giocarsi in queste Olimpiadi e lei si è confermata al top. Sapevamo che lei voleva fortemente una medaglia a queste Olimpiadi e per ora ha centrato la prima”. Queste le parole del Presidente CONI Giovanni Malagò che si è poi complimentato direttamente con l’atleta: “le sono grato a livello personale e lo sport italiano le è riconoscente. Avanti così Federica”. 

A 31 anni, Federica Brignone diventa la più “anziana” ad arrivare sul podio in uno Slalom Gigante Olimpico. Resta l’amaro in bocca per quella medaglia d’oro sfuggita per poco, pochissimo. Nella mente della valdostana il rammarico dura pochi secondi, perché oggi è giusto festeggiare una grande medaglia.

Ultime notizie