sabato, 28 Maggio 2022

Paypal chiude 4,5 milioni di account: crolla il titolo a Wall Street

La chiusura degli account è dovuta a un utilizzo eccessivo dei bot dopo un bonus di 10 dollari per aprire un conto online offerto nel 2021.

Da non perdere

Paypal ha chiuso 4,5 milioni di account. Lo rivela la stessa azienda che si occupa di pagamenti online. La decisione è dovuta a una campagna di incentivi per aprire un account iniziata nel 2021. Infatti, chi creava un account otteneva fino a 10 dollari. L’azienda ha poi scoperto che milioni di account sono stati aperti da bot e ha chiuso i relativi account.

“Le campagne di incentivi possono essere bersagli per i malintenzionati che tentano di trarre vantaggio dalle offerte senza mai avere l’intenzione di usare un account legittimamente sulla nostra piattaforma spiega Paypal, che ha visto esplodere i suoi nuovi clienti nel 2020, complice la pandemia. L’obiettivo dichiarato è di ottenere 750 milioni di account attivi nel 2025, ma l’impresa sembra ardua.

L’aumento dei prezzi ha ridotto gli introiti della società e gli ultimi risultati hanno causato un crollo anche a Wall Street. Le azioni sono scese del 25%, arrivando a raggiungere quota 132,40 dollari. L’azienda ha dichiarato che continuerà gli sforzi lato marketing, ma gli esiti si vedranno solo nei prossimi mesi. Paypal non è la sola a essere precipitata in borsa.

Il crollo in Borsa arriva anche per Meta

Anche Meta (ex Facebook) deve fare i conti con la Borsa americana. Ieri la società ha bruciato 250 miliardi di dollari di capitalizzazione, quasi un quarto del colosso di Facebook. Il calo è del 26,4%. In questo caso, il crollo in Borsa è dettato dal calo dei profitti nell’ultimo quadrimestre del 2021. A questo si aggiunge l’addio di milioni di utenti. Tra i motivi ci sarebbe anche la nuova privacy policy di Apple per i propri dispositivi. Infatti, gli utenti possono scegliere se essere tracciati o no per ottenere pubblicità mirata. Molti utenti negano il consenso e questo impedisce il tracciamento – quindi gli introiti pubblicitari – a Meta. Anche ZyngaSpotify avrebbero ricevuto contraccolpi economici per via della nuova policy.

Ultime notizie