sabato, 28 Maggio 2022

Nuova Tv Digitale, avanti con lo “switch off” dei canali: a che punto siamo

In un'Italia sempre più "tecnologica", è in arrivo la nuova Tv Digitale DVB-T2 che consentirà di migliorare la qualità del segnale grazie allo "switch off" dei canali. Se ne torna a parlare in questi giorni di Sanremo.

Da non perdere

Gli uomini sono diventati gli strumenti dei loro stessi strumenti”. Lo scrittore Henry David Thoreau, più di cent’anni fa, ci aveva visto lungo. In Italia è in arrivo la nuova Tv Digitale DVB-T2 che consentirà di migliorare la qualità del segnale grazie allo “switch off” dei canali. Un cambiamento destinato a mutare per sempre il mondo della televisione, cambiando frequenza per adottare il nuovo standard: risparmiare banda, liberando una determinata porzione di spettro elettromagnetico in favore del 5G per il traffico dati mobili. Questa scelta, è bene sottolineare, non è dipesa dalla Rai, bensì è stata la Commissione Europea ad imporla a tutte le sue emittenti. Anzi, in concomitanza con questo cambiamento, proprio la Rai ha messo a disposizione di tutti i cittadini il numero verde 800 93 83 62 per comunicare informazioni utili ed aiutargli a capire meglio questo passaggio alla nuova Tv Digitale. Proprio la Rai ne parla ogni sera dal palco del Festival di Sanremo.

Lo switch-off

Questo “spegnimento” – in inglese appunto “switch off” – indica il passaggio dal vecchio al nuovo segnale, da concludersi entro gennaio 2023. Per arrivare preparati a quella data, ogni cittadino potrà effettuare un progressivo “refarming”, cioè riassegnazione delle frequenze, col quale alcuni canali, tra cui quelli Rai, potranno non vedersi più, a meno che non si faccia la risintonizzazione manuale di tutti loro. Tra un anno, a “switch off” completato, per continuare a vedere la nuova tv digitale sarà necessario o un decoder oppure se ne dovrà acquistare una compatibile con i nuovi standard tecnologici. Come in ogni evento o situazione che si rispetti, ci sono sempre i pro e i contro: se da un lato ci sarà una migliore qualità del segnale, così come saranno migliori i servizi e le trasmissioni in alta definizione; dall’altra, anche questa volta, l’italiano si troverà in difficoltà affrontando una spesa, fin’ora non prevista, nonostante l’Italia abbia messo a disposizione i “bonus tv” o “bonus rottamazione”.

Le tappe del cambiamento

I decoder più vecchi andranno sostituiti, chi possiede invece una televisione di nuova generazione compatibile – per saperlo basta accedere al canale 500 –  dovrà solo fare una nuova sintonizzazione verso i MUX. Questo passaggio, però, non avverrà in tutta Italia contemporaneamente, infatti a ragione di ciò sono state “create” quattro aree distinte che comprendono le regioni con il loro “switch off” scaglionato. Si è iniziato con le aree 1 e 3 dal 1° settembre al 31 dicembre 2021: Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Province autonome di Trento e Bolzano, Veneto e Valle d’Aosta. Dal 1° gennaio al 31 marzo toccherà all’area 2 con Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna e per ultima l’area 4 con Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia dal 1° aprile al 20 giugno 2022.

Ultime notizie