sabato, 28 Maggio 2022

Pordenone, sospesi dall’ordine effettuano tamponi a domicilio: denunciati tre infermieri

La Guardia di Finanza di Pordenone ha smascherato tre infermieri, sospesi dal relativo Ordine perché non vaccinati, che continuavano ad esercitare abusivamente in privato.

Da non perdere

Durante un’indagine su casi di assenteismo in un’azienda di trasporto pubblico, la Guardia di Finanza di Pordenone ha scoperto, accidentalmente, un anomalo reclutamento di tre infermieri – già sospesi – da parte di un operatore sanitario privato. Nel proseguo delle indagini, le Fiamme Gialle hanno notato che, al di là delle molte assenze per malattia, certificate all’azienda dal momento in cui è entrato in vigore l’obbligo della certificazione verde (D.L. n. 139/2021), si evidenziava la posizione di un autista, con qualifica di infermiere, sospeso per non aver esibito il green pass all’ingresso del luogo di lavoro.

L’autista-infermiere

L’uomo, già sospeso dall’esercizio della professione sanitaria, si era poi affidato ad un operatore sanitario privato per effettuare prestazioni a domicilio. Gli approfondimenti, effettuati dalla Guardia di Finanza di Pordenone, hanno definito che l’uomo ha eseguito tamponi e prelievi ricavandone ingenti compensi. Sulla scia dell’autista-infermiere, la Procura di Pordenone ha poi individuato altri due infermieri, anche loro sospesi dall’Ordine, che esercitavano abusivamente la loro professione sempre facendo riferimento all’operatore sanitario privato che li aveva reclutati. Adesso i tre infermieri sono stati deferiti e saranno sottoposti a giudizio di nuovo da parte dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche. Inoltre, l’Autorità Giudiziaria del Friuli ha autorizzato a diffondere la notizia per il reato di “esercizio abusivo d’ufficio” a cui si aggiungono “truffa” e “interruzione di pubblico servizio”.

Ultime notizie