sabato, 28 Maggio 2022

Zerocalcare finisce anche sul Guardian: “Strappare lungo i bordi” non è stata proprio un male

Zercalcare cavalca l’onda del successo, citato anche sul Guardian. Scopriamo meglio la sua serie animata.

Da non perdere

Qualche anno fa le opere di Zerocalcare erano poco conosciute, solo dopo il grande successo della Serie animata “Strappare lungo i bordi” che per qualche settimana aveva spodestato dal primo posto la serie coreana ”Squid Game” , il fumettista romano sembra aver fatto il botto.

Su Storytel continuano a essere pubblicati i suoi lavori e dopo “A Babbo morto” viene pubblicato anche “Kobane Calling”. Persino il Guardian ammicca al fumettista definendolo nel suo articolo “L’artista e l’armadillo” o “Il fumettista più timido d’Italia”.

Nonostante sia quasi del tutto passato il suo momento di gloria sui piccoli schermi, “Strappare lungo i bordi” è una miniserie che merita di essere, ancora, sulla bocca di tutti.

La serie è scritta e diretta dal fumettista di origini romane Michele Rech, in arte Zerocalcare. La sceneggiatura è stata prodotta da Movimenti Production in collaborazione con BAO Publishing, casa editrice che da sempre cura le opere del fumettista. La miniserie è composta da 6 episodi da circa 15 minuti ciascuno.

La serie, ambientata nell’universo del fumettista, racconta, attraverso l’uso di flashback e aneddoti le vicende di Secco e Sarah, passando da momenti divertenti contornati dal linguaggio romanesco che porta il sorriso agli spettatori a veri e propri momenti di riflessione. Le musiche affidate all’artista Giancane forniscono coinvolgimento emotivo che si incastra alla perfezione con i disegni dell’artista.

Quel che si nasconde dietro a un accento romano è la pura verità. Sin da piccoli ci insegnano a camminare su quella linea immaginaria, essa ci porterà al nostro successo, ma se provassimo a distaccarci da questa finiremmo per fallire. La morale in “Strappare lungo i bordi” è che non serve necessariamente seguire quella linea tratteggiata, che essa a volte sbaglia e ci distoglie dalle cose importanti, vitali.

Per seguirla, infatti, non ci rendiamo conto di amori, fallimenti, successi. Ma seguire la linea equivale anche a vivere di solitudine, rimanere in contatto dietro a uno schermo freddo e di avvertire la precarietà del futuro.

Il panorama fumettistico di Zerocalcare è sempre stato influenzato dalla filosofia, dal cinema contemporaneo senza tralasciare gli anime giapponesi e il mondo punk, che anche nella trasposizione animata non si perdono.

Lo stile di Zerocalcare rimane di certo un crocevia tra ironia e cinismo che forma però la coscienza di molti ragazzi e adulti che vivono o hanno vissuto questo indottrinamento del capitalismo.

Il successo però ricevuto da questa serie ha portato non pochi problemi al fumettista, che ha descritto attualmente la sua vita “invivibile” a causa anche delle accuse mosse per l’uso del romanesco che “esclude” chi non capisce il dialetto.

Se, “sopravvivrà” a questa situazione si pensa anche a una seconda stagione.

Ultime notizie