domenica, 29 Maggio 2022

Lega, Consiglio federale vota piena fiducia a Salvini. Il segretario: “Noi compatti il centrodestra si ricostruisce”

Anche il rapporto tra Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti sarebbe ottimo

Da non perdere

Dopo la spaccatura del centrodestra nella settimana per l’elezione del Presidente della Repubblica, Matteo Salvini ottiene la piena fiducia da parte del Consiglio federale della Lega per la creazione di una forza politica alternativa alla sinistra. La decisione di rinnovare la fiducia al Segretario della Lega è arrivata nella serata di ieri 1° febbraio, durante la riunione del Consiglio Federale.

Durante l’incontro, il partito ha approvato all’unanimità alcuni obbiettivi già prefissati in precedenza come la riforma del catasto, il no a nuove tasse sulle case, nessuna differenziazione tra bambini vaccinati e non in tema di Dad oppure un impegno maggiore sul controllo dei confini e dell’immigrazione. Da alcune fonti presenti alla riunione della Lega si apprende come il rapporto tra Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti sia ottimo e che non ci siano delle fratture all’interno del partito.

Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti
Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti

All’arrivo nella sede del Consiglio Federale, il Segretario ha rilasciato alcune dichiarazioni ai giornalisti, parlando di una Lega compatta ma non evitando di lanciare una frecciatina al Governatore della Liguria Giovanni Toti riguardo a quanto accaduto durante le votazioni del presidente della Repubblica. “La Lega è compatta – dice Salvini – e il centrodestra si ricostruisce, non c’è problema. L’elezione del presidente della Repubblica non ha visto il centrodestra prevalere perché è mancato un pezzo del centrodestra.” Non sono mancate poi le rivendicazioni da parte dello stesso segretario sulla decisione di rieleggere il presidente Sergio Mattarella a capo dello Stato, definendosi come “colui che ha messo fine alle ipocrisie”.

Dalle ipocrisie sulle elezioni si è passati poi agli impegni politici che Matteo Salvini avrà durante tutta la settimana, annunciando per oggi 2 febbraio la partecipazione a un Consiglio dei ministri e un successivo incontro con il premier Mario Draghi più avanti nel corso della settimana. L’obiettivo del Segretario è quello di ottenere dal Presidente del Consiglio un allentamento delle restrizioni. Non sono mancate poi della buone parole rivolte a Silvio Berlusconi a cui ha fatto visita qualche giorno fa dopo essere stato dimesso dall’ospedale. “Sono contento aver riabbracciato un amico che ha passato brutti momenti, l’incontro con Berlusconi è andato bene soprattutto perchè è stato il suo primo giorno fuori dall’ospedale. La cosa bella di ieri è stato quell’abbraccio”.  

Ultime notizie