giovedì, 19 Maggio 2022

Coronavirus, proposte dalle Regioni: a casa solo alunni con sintomi, basta colori

I governatori si sono incontrati a Roma e hanno espresso l'esigenza di semplificare le procedure per la scuola e di eliminare il sistema dei colori

Da non perdere

“Guardare al futuro e procedere rapidamente verso una normalizzazione della situazione che consenta una ripresa più ordinata e il rilancio del nostro Paese”. Questo è l’obiettivo del documento che le Regioni presenteranno il 26 gennaio al Governo per il presidente Massimiliano Fedriga (Lega). Il documento sarà inviato direttamente al Ministro della Salute Roberto Speranza.

I governatori si sono incontrati a Roma e hanno espresso l’esigenza di semplificare le procedure per la scuola e di eliminare il sistema dei colori. Secondo gli enti locali, solo i positivi sintomatici dovrebbero evitare la scuola. Chi è positivo, ma asintomatico, dovrebbe seguire comunque le lezioni in presenza. In più, le Regioni chiedono un monitoraggio solo per i sintomatici.

Secondo Luca Zaia, governatore del Veneto, anche le direttive europee si rivolgono ai soli sintomatici e il modello attuale non funziona. Per Giovanni Toti (Liguria) le misure in vigore finora non sono più coerenti con la situazione della pandemia oggi e pertanto vanno modificate e vanno modificate in fretta.

Ultime notizie