giovedì, 19 Maggio 2022

Serie A, dai due derby delle 15 a Milan-Juventus: il programma della 23esima giornata

Da non perdere

Una settimana non stop di calcio italiano si vede culminare nel migliore dei modi, prima di fermarsi per la pausa nazionali. La Serie A ritorna dopo gli impegni infrasettimanali di Coppa Italia, offrendo diverse partite interessanti e aperte ad ogni esito.

La 23esima giornata si aprirà con l’incontro tutto pepe tra Verona e Bologna, due squadre rivelazione della prima parte di campionato. I padroni di casa, appaiati al decimo posto e con un occhio all’Europa, non hanno mai trionfato negli ultimi cinque incontri al Bentegodi, dove il Bologna arriverà senza poter contare, tra gli altri, su Barrow, De Silvestri, Santander e Mbaye.

Il sabato proseguirà con i classici tre appuntamenti, partendo alle 15 con il Genoa penultimo che troverà sul proprio cammino l’Udinese, reduce da due sconfitte contro Atalanta e Juventus. Il club più antico d’Italia, dopo aver esonerato Shevchenko, ha affidato le chiavi della squadra a Blessin, con l’intento di riemergere dalla parte più bassa della classifica.

Alle 18 sarà poi il turno dei supercampioni d’Italia dell’Inter, con il romantico Venezia a cercare di insidiare la corazzata di Inzaghi. Nonostante l’ennesima ricaduta muscolare di Correa, il Biscione farà affidamento sugli strappi e la classe di Alexis Sanchez, vero uomo in più della capolista.

Sarri contro Gasperini sarà invece l’anticipo all’ultimo sangue delle 20:45, una sfida votata all’attacco e molto probabilmente a tante marcature, come dimostrano i 90 gol segnati da entrambe fino a questo momento. Ci si aspetterà un’Atalanta che farà di tutto per alimentare le difficoltà dei biancocelesti all’Olimpico, capaci di fare razzia di appena 5 punti nelle ultime quattro partite giocate a Roma.
Tuttavia Sarri riporrà le speranze di vittoria sull’arma Immobile, quarto marcatore più prolifico nei top cinque campionati europei, grazie ai 21 gol segnati in stagione, dietro soltanto a Salah, Benzema e Lewandowski.

La domenica vedrà il Cagliari apparecchiare il banchetto per il match delle 12:30 contro la Fiorentina. Dopo l’abbuffata di gol in Coppa Italia, la Viola cercherà di rimanere in scia Europa, nonostante un Cagliari vittorioso due volte in tre partite nel 2022.
Proprio nel nuovo anno, la squadra di Vincenzo Italiano è la quarta squadra nei top cinque campionati ad aver segnato di più in tutte le competizioni, ben 11 gol.

Non uno, bensì due derby nelle sfide delle 15. Al Diego Armando Maradona il Napoli, miglior difesa del campionato con 15 gol subìti, ospita il fanalino di coda Salernitana, peggior difesa della massima serie che di reti ne ha subìte addirittura 49.
L’ultimo incrocio in campionato, seppur in Serie B, risale al 9 novembre 2003, con la gara che terminò a reti bianche.

L’altra stracittadina si giocherà più a nord di oltre seicento kilometri, con La Spezia che forte della vittoria a San Siro contro il Milan, proverà ad essere corsara anche contro la squadra di D’Aversa. La Sampdoria è alla spasmodica ricerca dei 3 punti, nel 2022 non ha mai vinto, vedendosi battuta di misura nelle tre sfide in Serie A del nuovo anno.

Torino-Sassuolo completerà il quadro delle sfide delle 15, con gli emiliani in salute dopo aver raggiunto il primo storico quarto di finale di Coppa Italia della loro storia. La squadra di Juric è però un osso duro, considerando che le uniche due sconfitte in campionato negli ultimi due mesi sono arrivate per mano della Roma e dell’Inter.

Proprio la Roma sarà la protagonista delle 18 al Castellani di Empoli, sfida estremamente sentita per il tecnico biancoblu Andreazzoli, visto il passato lungo dodici anni nella Capitale. Ai padroni di casa un successo contro i giallorossi manca addirittura dal 17 febbraio 2007, 1-0 con gol vittoria di Nicola Pozzi dopo appena cinque minuti.

Ciliegina sulla torta non poteva che essere la kermesse di San Siro: Milan-Juventus delle 20:45. La sfida più disputata del campionato italiano di calcio, ben 205 volte, sarà purtroppo giocata davanti ad appena 5mila spettatori.
Dopo l’occasione sciupata lunedì contro La Spezia, Pioli trova sul tortuoso cammino che conduce verso lo scudetto un’altra squadra bianconera, con Max Allegri che a San Siro contro i rossoneri ha perso solo una volta: 22 ottobre 2016 con gol vittoria siglato, ironia della sorte, dal bianconero Locatelli.

Ultime notizie