giovedì, 19 Maggio 2022

Quirinale, in arrivo il seggio “drive in” per i grandi elettori contagiati

Il Presidente della Camera Roberto Fico chiederà al governo di approvare una normativa e consentire l'allestimento di un seggio drive-in nel parcheggio del palazzo

Da non perdere

I preparativi per le imminenti elezioni del nuovo inquilino al Quirinale proseguono nell’incertezza. Equilibri e strategie politiche alimentano un tempo indefinito, ma anche il numero dei contagi tra i 1009 grandi elettori è un fattore da non trascurare. Se la “variante” politica è estremamente difficile da contenere e decifrare, un’idea su come far proseguire i lavori anche in caso di positivi al Covid-19 c’è. Ad esporla agli interessati è stato il Presidente della Camera Roberto Fico che nelle sale di Montecitorio chiederà al governo di approvare una normativa e consentire l’allestimento di un seggio drive-in nel parcheggio del palazzo situato in via della Missione.

Dubbi da sciogliere

L’idea è piaciuta fin da subito a tutte le forze politiche ma alcune domande continuano a non avere una risposta. La Camera dei Deputati si occuperà della logistica e delle modalità per poter esprimere l’espressione di voto, con l’aggiunta di due segretari d’aula e altri funzionari pubblici, per assicurare il rispetto del regolamento di voto. Ma è il prima che resta senza legislatura, o meglio senza eccezioni. Come potranno, i grandi elettori positivi provenienti da tutto il territorio nazionale spostarsi se obbligati a sottostare all’obbligo di quarantena? Dove potranno alloggiare i grandi elettori “fuori sede”?

Il cortile di Montecitorio come “centro del villaggio”

Le domande avanzano, i contagi anche: ad oggi sono positivi 19 deputati e 15 senatori, un numero che sembra essere in fase ascendente. “L’auto è pronta: ora c’è poco più di un weekend per capire se tutti quelli che hanno il biglietto potranno salire a bordo”, chiosa un funzionario intercettato nel cortile di Montecitorio.

Ultime notizie