giovedì, 19 Maggio 2022

Quarta dose di vaccino contro il Covid, l’Ema: “Ragionevole per pazienti fragili”

Il Comitato di farmacovigilanza, Prac, e l'Ema analizzano anche i casi sospetti di trombosi

Da non perdere

Siamo ancora alle prese con la terza somministrazione contro la covid, ma il capo della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco (Ema), Marco Cavalieri, è sicuro: “Nelle persone con sistema immunitario gravemente indebolito, che hanno ricevuto 3 dosi per la vaccinazione primaria, sarebbe ragionevole che le autorità sanitarie pubbliche prendano in considerazione la somministrazione di una quarta dose“. Poi l’Ema si sofferma sulle vaccinazioni durante la gravidanza: “non causano complicazioni per le donne e i loro bambini”. Mediante Comirnaty-BioNTech/Pfizer e Moderna, i vaccini a RNA messaggero, non si sono “trovati segni di un aumento del rischio di complicazioni di gravidanza, aborti spontanei, parto prematuro o effetti negativi nei bambini non ancora nati dopo la vaccinazione mRna”. La nota dell’Agenzia europeo del farmaco si basa su un campione di 65.000 gravidanze.

Il Comitato di farmacovigilanza, Prac, e l’Ema analizzano anche i casi sospetti di trombosi. Con il vaccino AstraZeneca, dopo diventato Vaxzevria, su 1809 eventi, 1643 sono stati segnalati dopo la prima dose e 166 dopo la seconda. Sempre a proposito di trombosi con trombocitopenia, la riduzione delle piastrine, l’Agenzia italiana del farmaco, l’Ema e il Prac sconsigliano il vaccino AstraZeneca-Vaxzevria dopo tale effetto collaterale derivato dalla prima somministrazione.

Sul sito dell’Aifa si possono leggere  “i casi molto rari”, dopo le dosi con AstraZeneca-Vaxzevria e Janssen, di mielite trasversa: l’infiammazione di uno o entrambi i lati del midollo spinale. Può causare debolezza alle braccia o alle gambe, formicolio, intorpidimento, perdita di sensibilità o problemi di funzionalità della vescica o dell’intestino. La mielite trasversa è “almeno ragionevolmente possibile” causata dalla vaccinazione, ma il “profilo beneficio-rischio di entrambi i vaccini rimane invariato”. Inoltre l’Agenzia europea del farmaco “continuerà a monitorare questa problematica e fornirà informazioni aggiornate qualora disponibili”.

Ultime notizie