mercoledì, 18 Maggio 2022

Europarlamento, Roberta Metsola nuovo Presidente dopo la morte di Sassoli

È la terza donna a guidare l'europarlamento dopo le elezioni di Simon Veil nel 1979 e di Nicole Fontaine vent'anni dopo

Da non perdere

Nata a Malta, classe 1979, 43 anni compiuti oggi, Roberta Metsola, candidata del Ppe, viene eletta presidente del Parlamento Europeo nel giorno del suo compleanno. È la terza donna a guidare l’europarlamento dopo le elezioni di Simon Veil nel 1979 e di Nicole Fontaine vent’anni dopo, entrambi francesi.

La nuova Presidente dell’europarlamento con 458 voti favorevoli è stata eletta al primo turno, 113 voti in più rispetto al predecessore Sassoli che fu eletto invece al secondo turno. La lega e il gruppo Ecr hanno espresso il loro voto favorevole come annunciato.

Roberta Metsola apre il suo discorso di insediamento in italiano e lo fa ricordando l’europresidente scomparso lo scorso 11 gennaio con queste parole: “Onorerò David Sassoli come presidente battendomi sempre per l’Europa”, aggiunge “David era un combattente per l’Europa. Credeva nel potere dell’Europa. Grazie David”.

Ha iniziato a fare politica sin da giovane con il partito nazionalista maltese affiliato al Partito popolare europeo (Ppe), dopo aver frequentato il Collegio d’Europa ha lavorato nella rappresentanza maltese presso l’unione europea; arriva a Strasburgo nel 2013 e viene eletta nel 2020 presidente vicaria dell’europarlamento, ruolo che l’ha portata, alla prematura scomparsa di David Sassoli, a subentrare come presidente ad interim. A fine novembre è stata scelta dal Partito popolare europeo come candidata alla guida dell’aula di Strasburgo per un rinnovo della carica che era comunque fissato per questa data.

Del Ppe rappresenta l’area più conservatrice specialmente su alcuni temi etici: è antiabortista in linea con la politica di Malta che al momento è l’unico paese europeo in cui l’aborto è ancora illegale, posizione che ha destato non poche cristiche specie dalle file del centrosinistra.

La neopresidente si esprime sull’UE: “Voglio che le persone recuperino un senso di fede ed entusiasmo nei confronti del nostro progetto. Credo in uno spazio condiviso più giusto, equo e solidale. La disinformazione nel periodo pandemico ha alimentato isolazionismo e nazionalismo, queste sono false illusioni, l’Europa è l’esatto opposto di questo”, lancia poi un avvertimento circa le posizione della sua presidenza “Coloro che cercano di distruggere l’Europa sappiano che questo Parlamento la difenderà. Per coloro che minacciano donne e cittadini Lgbt sappiano che questo Parlamento li difenderà, coloro che minacciano lo stato di diritto sappiano che non indeboliranno l’unità di questo Parlamento”.

La prima maltese a ricoprire una delle massime cariche istituzionali europee è mamma di quattro figli e sposata con un finlandese, lingua che parla fluentemente oltre all’inglese e al francese. Con entusiasmo è stata accolta la notizia della sua elezione nell’emiciclo che si è complimentato a più riprese con la neoeletta. Messaggi di congratulazioni anche dal presidente del Consiglio Ue Charles Michel che ha twittato “Congratulazioni a Roberta Metsola nuova presidente del Parlamento Ue”, il cuore che batte della democrazia europea. Non vedo l’ora di collaborare con te, cara Roberta” e dalla presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen che sempre su twitter “alla guida di questa casa nobile. Il tuo duro lavoro e la tua determinazione saranno di ispirazione per tutti noi”. “Noi lavoreremo a stretto contatto per la ripresa e per un futuro europeo verde, digitale, e luminoso”.

 

Ultime notizie