giovedì, 19 Maggio 2022

Covid, calano i positivi ai test molecolari

L'analisi dei dati sui positivi ai test molecolari evidenzia un primo picco lo scorso 6 gennaio e un aumento in arrivo nei prossimi giorni.

Da non perdere

“La minor frequenza di polmoniti nella Omicron comporterebbe una minore probabilità di ricovero in terapia intensiva, senza però una conseguente riduzione dei decessi di soggetti fragili”. È il commento del matematico Giovanni Sebastiani dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo Picone CNR sui dati che arrivano anche dai test molecolari per il Covid-19. Oggi i positivi in base ai test iniziano a diminuire dopo il picco dei giorni scorsi.

Anche se aumentano le persone decedute Sebastiani non riscontra lo stesso per gli ingressi in terapia intensiva. Il maggior numero di decessi è collegato all’aumento di positivi riscontrato a novembre e dicembre 2021. Stando ai dati, il picco dei positivi ai test molecolari si è registrato lo scorso 6 gennaio, ma non nello stesso momento in tutte le Regioni. Infatti, l’Umbria è stata la prima a raggiungerlo già il 5 gennaio, seguita il giorno dopo dalla Toscana. Il riscontro è stato registrato in LombardiaAbruzzo e Basilicata nei giorni 10 e 11 gennaio. Nei prossimi quattro giorno Sebastiani ipotizza un nuovo picco, partendo dalla Val D’Aosta e dalla Provincia Autonoma di Trento.

In Puglia, invece, la crescita di positivi ai test molecolari aumenta ed è accelerata, accanto a Campania, Marche e Liguria. Secondo le previsioni, Friuli Venezia Giulia Veneto raggiungeranno il picco tra sette giorni. La crescita sembra regolare nella provincia autonoma di Bolzano, in Calabria e in Molise. Invece in Sardegna non ci sarebbe una crescita secondo le proiezioni.

Ultime notizie