giovedì, 27 Gennaio 2022

Tumore ai polmoni, dire addio al fumo allunga la vita anche dopo la diagnosi

Porta a un miglioramento del 29% nella sopravvivenza globale dei pazienti

Da non perdere

Le sostanze cancerogene contenute nel fumo sono tra le cause più frequenti di tumore ai polmoni, ma smettere di fumare, anche dopo la diagnosi, può allungare la vita. È quello che si evidenzia da uno studio di ricercatori italiani e pubblicato sul Journal of Thoracic Oncology, Gazzetta ufficiale dell’International Association for the Study of Luncg Cancer.

I dati dimostrano, che smettere di fumare anche dopo la diagnosi, porta a un miglioramento del 29% nella sopravvivenza globale dei pazienti affetti da cancro ai polmoni, rispetto ai pazienti che invece continuano. Si è trattato di una meta analisi, sono stati infatti analizzati 21 articoli che forniscono dati su più di 10.000 pazienti, tra quelli pubblicati nella letteratura scientifica fino a ottobre 2021 e che riguardano i dati sulla cessazione del fumo dopo la conferma di tumore.

I ricercatori dell’Istituto Italiano per la Ricerca sul cancro, la Prevenzione e la Rete clinica di Firenze e dell’Istituto Europeo Oncologico di Milano hanno dato una spiegazione biologica per questi dati: il fumo di tabacco promuove la crescita, la progressione e la disseminazione del tumore, diminuendo l’efficacia della radioterapia e della terapia sistemica, e aumenta il rischio di complicanze postoperatorie e di secondi tumori primari.

“Sappiamo che nove tumori su dieci sono causati dal fumo di sigaretta, ma se intercettati per tempo possono essere curati con trattamenti poco invasivi, ma ciò che è necessario è un programma di sanità pubblica  associato a iniziative strutturate per la cessione del fumo”, le parole della responsabile dell’Unità di Epidemiologia molecolare e farmacologica di Milano, Sara Gandini.

Ultime notizie