martedì, 25 Gennaio 2022

Asintomatici fuori da bollettino e calcolo dei ricoveri, pressing delle Regioni ma Iss frena: oggi la Cabina di Regia

Le persone asintomatiche potrebbero non incidere più sull'aumento dei ricoveri, ma rimangono parte integrante del conteggio dei casi. L'Iss frena, oggi riunione della Cabina di Regia.

Da non perdere

Si va verso un nuovo cambio di direzione circa il metodo di calcolo dei posti occupati nei reparti Covid degli ospedali, o almeno questa è l’intenzione di alcuni Governatori. Tira e molla tra l’esecutivo e le Regioni per un cambiamento sul calcolo dell’incidenza dei posti letto negli ospedali: le persone ricoverate per altre patologie che risulteranno positive al Covid-19 non verranno più incluse nell’incidenza di occupazione delle strutture sanitarie, pur restando comunque parte integrante del numero di positivi comunicato con il bollettino giornaliero?

La comunicazione di questo orientamento è arrivata dalla direzione Prevenzione e Programmazione Sanitaria che ha subito informato gli assessorati delle Regioni di tutta Italia: “Il positivo asintomatico ricoverato per cause diverse dal Covid – scrive il Ministero – nel caso in cui sia in isolamento per una patologia diversa, sarà comunque conteggiato come positivo nel bollettino giornaliero senza rientrare nel numero dei ricoverati in terapia intensiva”

Sulla questione si è espresso anche il presidente della regione Veneto Luca Zaia: “L’Ecdc -Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie – invita a classificare come caso solo i positivi con sintomi. Se ci sono tanti positivi asintomatici, il rischio è che questi infettino, ma a noi sembra che la quota dei sintomatici si stia abbassando molto. Anche perché è probabile che molti sintomatici siano comunque in giro.”  

Il ministero della Salute però non ha alcuna intenzione di eliminare le persone asintomatiche dal conteggio giornaliero e ha chiesto all’Istituto Superiore di Sanità di pubblicare sul proprio sito delle FAQ in cui spiegare il perché di questa scelta per non perdere il controllo dell’intera situazione. Quest’oggi il CTS si riunirà per affrontare la discussione sulla rimozione degli asintomatici dal conteggio dei casi, in più sempre per oggi è prevista la riunione della Cabina di Regia che deciderà sul cambio di colore di alcune regioni. Il Piemonte, aumentando i posti letto a 970, non passerà in Arancione come invece accadrà alla Valle D’Aosta, la Campania passerà in Zona Gialla mentre la Puglia resta in sospeso, avendo raggiunto la soglia di sicurezza sui ricoveri.

Ultime notizie