martedì, 25 Gennaio 2022

Colle, il centrosinistra allo sbando fa rimpiangere Formica

Un'altra pagina della Quirinaleide. Pezzi di Movimento 5 Stelle e Partito Democratico auspicano un Mattarella bis, Bersani recita una supercazzola delle sue.

Da non perdere

Quirinaleide. “Dunque, dove eravamo rimasti?”, per celebrare Enzo Tortora, a pochi giorni dalla scomparsa della figlia Silvia. Nel poema infinito sull’affaire-Capo dello Stato, molte pagine saranno ancora da scrivere fino all’elezione dell’eroe italico. Ed è già un eroe, poiché nemmeno la pandemia, nemmeno il Piano di ripresa e resilienza, nemmeno il “whatever it takes” di Mario Draghi, ora “nonno al servizio delle istituzioni”, riescono a distogliere il pensiero di alcuni politici verso altro. Nessuna consultazione popolare all’orizzonte, nessuna bandiera da garrire, nessun elettorato da vellicare, politique politicienne. Certo: mandare al Colle un inquilino che – nella migliore delle ipotesi – vi rimarrà 7 anni, non è un gioco e anzi la politica sconfisse sé medesima quando ri-mandò al Colle Giorgio Napolitano. E però la ridda di voci, le affermazioni, le smentite non fanno bene a una classe politica a remengo nel suo stesso mare.

Ormai Conte e Letta dicono le stesse cose. Verrebbe da osare: Conte è Letta (o viceversa). E se prima a unire era una donna, adesso a unire è Mattarella. L’uomo che ha cercato casa altrove, l’uomo ripreso con la sua famiglia nel Palazzo, l’uomo fin troppo chiaro nel discorso di fine anno. Davvero si può proporre un Mattarella bis? Allora ha ragione l’ex dirigente socialista Rino Formica: “Un Paese di 60 milioni di abitanti che può vantare un solo uomo, è un Paese finito”. Si riferiva a Mario Draghi. Ma non è vero che pure il nome di Draghi è stato speso per salire al Colle? Per converso, Pier Luigi Bersani, non fa nomi. Invero declama una supercazzola, ma ci ha abituati così. “Dobbiamo puntare su una persona seria, competente, che non si faccia portare a messa, come diciamo in Emilia. Uno che possa esercitare un po’ di autorità morale. Queste figure esistono”. E quali sono? Chissà. Intanto “se non lo si trova tra i politici, il nuovo Presidente, guardiamo fuori”. In effetti, come recitava quello, “potrebbe esser peggio, potrebbe piovere”. E allora, per tornare a Rino Formica, “mai visto una situazione più terremotata di adesso”.

Ultime notizie