giovedì, 27 Gennaio 2022

Checco Zalone sarà superospite al festival di Sanremo

Checco Zalone superospite a Sanremo: l'attore ed ormai anche regista pugliese, ha finalmente accettato l'invito fatto tempo fa da Amadeus che lo indicò subito tra i prescelti ospiti d'eccezione.

Da non perdere

Checco Zalone superospite a Sanremo: l’attore ed ormai anche regista pugliese, ha finalmente accettato l’invito fatto tempo fa da Amadeus che lo indicò subito tra i prescelti ospiti d’eccezione.

“Amadeus, hai finito di pagare il mutuo sulla casa? Hai comprato una casa a tuo figlio? Poi non lavorerai più al massimo Telelombardia”, ha ironizzato Zalone nel servizio del Tg1 che ha documentato la firma del contratto.

Inutile elencare i successi cinematografici ma anche musicali dell’iconico artista, non ultima “La vacinada” in coppia con Helen Mirren, un vero e proprio tormentone, nato per ironizzare su paure e speranze legate al vaccino. In passato era stato già invitato per parlare dei suoi successi cinematografici ma ha sempre evitato, definendo il palco dell’Ariston “difficilissimo” Nel 2019 ha perso l’occasione perché era in procinto di partire per il Kenya, dove avrebbe girato Tolo Tolo, il suo primo film da regista, uscito in 1200 sale a Capodanno 2020, al primo giorno di programmazione ha sfiorato gli 8,7 milioni di euro, miglior debutto di sempre nella storia del cinema italiano. Nell’ultima edizione dei David ha vinto il premio dello spettatore e la statuetta per la miglior canzone originale con “Immigrato”.

Dopo la conferma di Zalone, Amadeus e la sua squadra stanno lavorando ha completare il cast degli ospiti, quelli fissi giornalieri e quelli per le singole serate. L’attenzione resta puntata su Fiorello, che si spera possa tornare al festival.

L’organizzazione ha reso noto l’impegno a curare ogni dettaglio per l’emergenza Covid: “Super green pass e tamponi frequenti per tutti gli addetti ai lavori, obbligo di mascherina Ffp2 tranne che in video durante la diretta; accessi e percorsi diversificati per cast, artisti, orchestrali e tetti di affollamento per ogni area, anche durante le prove, la Rai è al lavoro per blindare l’Ariston, aggiornando lo stringente protocollo sanitario applicato già lo scorso anno in base alle nuove indicazioni del governo e alla necessità di fronteggiare l’incubo Omicron”. Per la capienza in sala all’Ariston non si hanno ancora notizie, la crescita dei contagi potrebbe ulteriormente condizionare le misure di sicurezza e quindi ridurre le presenze in cinema e teatri, che ora possono essere occupati al 100%.

Ultime notizie