domenica, 23 Gennaio 2022

Istruzione, verso revisione regole per la DAD: priorità scuola in presenza

Preservare il più possibile le lezioni in presenza, come? Rivedendo il numero di contagi che fa scattare la Dad per tutta la classe. 

Da non perdere

Preservare il più possibile le lezioni in presenza, come? Rivedendo il numero di contagi che fa scattare la Dad per tutta la classe. Sulla base di quanto appreso, è questa l’ipotesi di lavoro sviluppata durante la riunione tra il premier Mario Draghi e i ministri a Palazzo Chigi in tema scuola.
Il 10 gennaio è alle porte, gli studenti si preparano a tornare nelle proprie classi e per farlo non rinunciando alla scuola in presenza, la soglia della Dad potrebbe essere disposta dopo numero predefinito di contagi e soprattutto in particolare per le fasce d’età che hanno una copertura vaccinale più elevata. Priorità quindi, scuola in presenza e in sicurezza, soprattutto per il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi.

La Uil però ribatte: “Nulla è stato detto in merito alle misure che saranno prese domani in Consiglio dei Ministri per il rientro a scuola il 10 gennaio. Un silenzio, dopo il vertice di Palazzo Chigi sul tema (ragione per la quale la riunione è stata spostata di un’ora e mezza) che i sindacati non attendevano, giudicato uno sgarbo istituzionale. Su questo tema il ruolo del sindacato è di tutela della salute dei lavoratori e della comunità scolastica. Nessun dato ufficiale è stato diffuso sui contagi a scuola e sul tracciamento. L’accordo firmato (su distanziamento, aereazione, tracciamento, presidi sanitari) è rimasto sostanzialmente inattuato“.

Intanto anche le Regioni sono al lavoro sul nodo della scuola: alle elementari e in prima media, con 4 o più contagi in classe, è prevista una settimana la Dad e la quarantena per tutti gli alunni della classe, oltre al tampone (quest’ultimo necessario solo per i non vaccinati, se quelli con copertura vaccinale non hanno sintomi). Sotto questa soglia è prevista l’auto sorveglianza per tutti e la raccomandazione di indossare la mascherina Ffp2, oltre a quella di astenersi dalla frequentazione di ambienti differenti da quelli familiari. Questo quanto prevede la bozza delle Regioni, che i governatori oggi discuteranno per avanzare la proposta al Governo.  La raccomandazione “razionale” delle Regioni è quella di prevedere questa misura in vista di una copertura vaccinale alta (70%) con contatti a basso rischio e di tenere conto dell’andamento epidemiologico e in particolare della variante Omicron.

Ultime notizie