sabato, 4 Dicembre 2021

Champions League, classico 2-0 e l’Inter archivia la pratica Šachtar Donec’k

Battuti gli ucraini di mister De Zerbi. Inzaghi concede l'ovazione del Meazza al croato Perišić, migliore in campo e autore di un assist. Basterà un pareggio del Real per qualificarsi.

Da non perdere

L’Inter di Inzaghi scende in campo per qualificarsi agli ottavi di Uefa Champions League. Gli avversari sono gli ucraini dello Šachtar Donec’k, allenati dall’italiano De Zerbi. I padroni di casa al 10′ col solito Perišić affondano sulla destra, ma al centro Barella scivola dagli undici metri e manda alto. Gli ospiti si limitano a un calcio d’angolo a rientrare su cui vola Handanovič. Sempre su corner, al 22′, Ranocchia spizzica di testa e la sfera termina di poco al lato.

Tra il 24′ e il 26′ ci prova Džeko a tu per tu con Trubin, uscito alla disperata. Poi il bosniaco tenta di testa: nulla da fare, ancora 0-0 e al 35′ è sempre Trubin a intervenire sui piedi di Lautaro. Le emozioni si spengono dopo l’azione con i due attaccanti nerazzurri ancora in evidenza: tacco di Lautaro, sinistro al volo di Džeko, esterno della rete. Nella ripresa Džeko porta in vantaggio il Biscione con un tiro dal limite dell’area, dopo un’azione orchestrata da Perišić e Darmian. Dopo soli 5 minuti è ancora il 9 nerazzurro a raddoppiare, e stavolta il croato lo assiste con un palla da buttare nel sacco di testa.

Inzaghi cambia: fuori Lautaro, dentro Correa; De Zerbi gli risponde con Bondarenko per Pedrinho. La squadra ucraina all’80’ colpisce con un palo la porta del capitano interista. Ma è la serata della Beneamata e il tecnico concede l’ovazione al croato Perišić, fuori per Dimarco. Proprio quest’ultimo passa al neo-entrato Sensi, per Çalhanoğlu, che scalda i guanti di Trubin. Dal conseguente angolo, Ranocchia ci prova ancora di testa. Finisce la partita. Ora l’Inter per qualifcarsi agli ottavi attende il pareggio o la vittoria di stasera del Real contro lo Sheriff.

Ultime notizie