mercoledì, 8 Dicembre 2021

Tornano nel loro Paese ma percepiscono il sussidio: 9 denunciati

I nove cittadini stranieri sono stati denunciati per il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, che prevede la reclusione da sei mesi a tre anni.

Da non perdere

Le Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Treviso, nell’ambito del rafforzamento delle attività di contrasto della percezione indebita di erogazioni pubbliche, hanno avviato un ampio monitoraggio sui dati forniti dall’INPS, relativi ai beneficiari del c.d. “assegno sociale“. Il sussidio, introdotto nel 1995 in sostituzione della pensione sociale, è una delle principali prestazioni assistenziali previste nel nostro Paese e viene erogato, a domanda, a coloro che versano in condizioni economiche disagiate, prescindendo dalla circostanza che essi abbiano versato contributi previdenziali, si tratta di circa 460€ al mese, per 13 mesi.  I percettori, oltre ad avere un’età superiore ai 67 anni, devono essere residenti in maniera effettiva, stabile e continuativa da almeno dieci anni nel territorio nazionale. Sono inoltre tenuti a comunicare all’INPS i periodi di soggiorno all’estero superiori a 30 giorni, in quanto l’assenza dal territorio nazionale comporta la sospensione dell’erogazione e nel caso in cui si lasci il Paese per un lasso temporale superiore a un anno, il beneficio viene revocato.

Per verificare la sussistenza dei requisiti e il rispetto dell’obbligo di informazione in caso di espatrio, i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico – Finanziaria di Treviso hanno incrociato le informazioni presenti nelle banche dati, individuando una serie di posizioni “anomale”, eseguendo quindi approfondimenti presso le rispettive residenze. Sono stati così individuati nove cittadini stranieri che, pur essendo rientrati da tempo nei loro Paesi, continuavano a beneficiare del sussidio. Tra questi anche un argentino che è tornato nel proprio paese d’origine nel 2016 e non ha fatto più rientro in Italia, tanto da essere dichiarato irreperibile nel 2019: nell’ultimo quinquennio, ha percepito indebitamente circa 27 mila euro. Un marocchino, cancellato dall’anagrafe dei residenti del Comune di Mogliano, ha invece continuato ad attestare, nelle domande indirizzate all’INPS, di risiedere presso l’abitazione di una donna, da cui risulta legalmente separato. Dal 2018, anche un cittadino algerino incassava indebitamente il beneficio dichiarandosi residente in un appartamento della “Tower House” di via Pisa a Treviso, in cui invece soggiorna un nucleo familiare diverso, risultato completamente estraneo. Anche due albanesi, due marocchine e una dominicana, nonostante fossero tornate da anni nei rispettivi paesi d’origine, hanno continuato a percepire il sussidio fino al mese di agosto 2021. Attraverso il controllo dei passaporti, è stato possibile ricostruire come alcune di esse abbiano fatto rientro in Italia, solo per brevi periodi, per far visita ai parenti, presso i quali avevano stabilito solo formalmente la residenza, e ritirare le somme accreditate.

I nove cittadini stranieri sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Treviso per il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, reato che prevede la reclusione da sei mesi a tre anni, e segnalati all’INPS per l’avvio delle procedure di sospensione delle erogazioni e il recupero delle somme indebitamente percepite, pari a circa 130 mila euro.
L’attività della Guardia di Finanza di Treviso, testimonia ancora una volta, il costante impegno nel settore della spesa pubblica, con l’obiettivo di assicurare che i benefici concessi dallo Stato, soprattutto nell’attuale fase emergenziale, siano destinati a favore di coloro che ne hanno effettivamente diritto e concretamente bisogno.

Ultime notizie