sabato, 27 Novembre 2021

Francia e pedofilia, la Chiesa venderà i suoi beni per risarcire le vittime

Dopo la pubblicazione del rapporto Sauvé che ha scosso la Chiesa francese, i vescovi d'Oltralpe si sono riuniti a Lourdes. Tra le decisioni prese c'è anche la vendita dei beni delle diocesi per risarcire le vittime dei preti pedofili.

Da non perdere

I vescovi di Francia, riuniti a Lourdes per la loro assemblea plenaria, chiamata dopo la pubblicazione del famoso rapporto Sauvé, hanno adottato oggi un meccanismo di riconoscimento e risarcimento per le vittime degli abusi sessuali da parte della Chiesa francese. Per combattere la pedocriminalità, monsignor Éric de Moulins-Beaufort, arcivescovo di Reims e presidente della Conferenza episcopale francese, ha annunciato la creazione di un organismo nazionale indipendente per il riconoscimento e il risarcimento individualizzato delle vittime di violenza sessuale presieduto dall’avvocata Marie Derain de Vaucresson; soprattutto, verrà istituito un fondo di compensazione che sarà alimentato dalla vendita di beni mobili e immobili dei vescovi e delle diocesi. Verrà inoltre inviata un’équipe nelle varie diocesi per verificare il lavoro della Chiesa per la tutela dei minori, come richiesto da Papa Francesco.

“Abbiamo istituito un fondo alla fine di settembre. Noi vescovi abbiamo iniziato a contribuire con le nostre risorse – ha detto Moulins-Beaufort in conferenza stampa. Sarà necessario raccogliere somme molto maggiori di quanto immaginavamo, data l’entità degli abusi commessi nella nostra Chiesa”. I vescovi francesi hanno deciso di “integrare questo fondo disinvestendo beni immobili e mobili della Conferenza episcopale o delle diocesi”. “Non prenderemo soldi dalla chiesa – ha precisato il presidente della Cef -, non useremo i fondi che ci danno i fedeli“. I vescovi individueranno nelle loro rispettive diocesi i beni immobili di cui possono disporre per rimpinguare il fondo e, se necessario, contrarranno prestiti per onorare i loro obblighi verso le vittime di pedofilia.

“Lo abbiamo fatto perché abbiamo paura di perdere Gesù”, ha detto Moulins-Beaufort sul riconoscimento dei crimini degli ecclesiastici francesi. “Era ora che facessimo questo passo”, ha aggiunto. Il rapporto della commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (Ciase), presieduta da Jean-Marc Sauvé e presentato il 5 ottobre, “ha rivelato una realtà della Chiesa che non sapevamo vedere”, ha commentato l’arcivescovo. “È stato portato davanti ai nostri occhi, davanti agli occhi del mondo, che la Chiesa è un luogo in cui vengono commessi atti di violenza e aggressione sessuale sui minori in proporzioni spaventose”. “Abbiamo fatto questo passo rendendoci conto che, inconsapevolmente, eravamo complici, stavamo permettendo che si compissero atti indicibili”, ha aggiunto.

 

 

Ultime notizie