mercoledì, 8 Dicembre 2021

Australia, temperatura, cicloni e stelle marine minacciano la Grande barriera corallina: sbiancata al 98%

Lo sbiancamento della Grande barriera corallina dell'Australia è ormai al 98% a causa dell'aumento della temperatura, dei cicloni e dell'acanthaster viola.

Da non perdere

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, lo sbiancamento della Grande barriera corallina dell’Australia è ormai al 98%, solo il 2% è riuscito a “salvarsi”. Il più grande gruppo di coralli del mondo non è riuscito a sopravvivere a questo terribile fenomeno di deterioramento dal primo grande episodio di sbiancamento del 1998. I coralli si sono scoloriti a causa dell’innalzamento della temperatura dell’acqua che butta via quelle alghe simbiotiche che in realtà danno al corallo sia nutrimento che colore.

Nonostante a luglio scorso, alcuni ricercatori avessero notato alcuni segnali di “guarigione” rispetto all’ultimo sbiancamento nel 2020, questo non è servito a salvaguardare questo ecosistema sottomarino lungo 2.300 km. Ma non è finita qui perché a compromettere la loro situazione ci sarebbero anche i cicloni e l’acanthaster viola – una stella di mare diffusasi per l’inquinamento e i deflussi agricoli – che divorerebbe i coralli stessi.

Ultime notizie