martedì, 26 Ottobre 2021

Sani stili di vita, la salute sostenibile si costruisce giorno dopo giorno

La promozione di sani stili di vita è un cardine fondamentale della prevenzione e della cura delle patologie per promuovere il raggiungimento di una salute sostenibile

Da non perdere

Sabato 9 ottobre, a partire dalle ore 8.30, Palazzo San Giorgio a Trani ospita la quarta edizione del convegno “Promozione di sani stili di vita ed evoluzione della Salute: modelli multidimensionali tra professionisti della Salute”, organizzato dall’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di BAT.
La promozione di sani stili di vita è un cardine fondamentale della prevenzione e della cura delle patologie per promuovere il raggiungimento di una salute sostenibile e quindi del maggior benessere psicofisico possibile del singolo, della comunità e del Pianeta.
Le scoperte scientifiche degli ultimi decenni hanno ormai definito un concetto evoluto di Salute che richiede che gli interventi preventivi debbano essere il più precoci possibile, cominciando già prima della gravidanza per il benessere del nascituro e continuando nell’età evolutiva, non limitandosi soltanto all’età adulta e alla senescenza, quando molte patologie croniche sono già insorte, come ad esempio. l’obesità.
Informare, motivare, istruire e sostenere un cambiamento dello stile di vita e quindi le scelte per una Sana alimentazione, un’attività fisica regolare, un’attenzione a norme igieniche adeguate e la cura del benessere psico-emotivo vedono certamente la figura del medico di famiglia e del pediatra di libera scelta come primi interlocutori del paziente, ma anche come coordinatori di interventi di altri attori della salute, quali ad esempio, medici specialisti, nutrizionisti (medici, biologi o dietisti), farmacisti, psicologi, infermieri, fisioterapisti e chinesiologi, attraverso modelli multidimensionali in un lavoro “di squadra” dove i protagonisti della salute devono sapere e potere comunicare tra loro in maniera efficace. Tale collaborazione quindi, può e deve cominciare tramite momenti di incontro e di formazione comune, fino ad un auspicabile sviluppo di protocolli condivisi di intervento.
“L’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Barletta-Andria-Trani organizza anche quest’anno il convegno sui Sani Stili di Vita, su un argomento fondamentale per garantire la salute delle persone: la prevezione”, spiega il dottor Benedetto Delvecchio (foto in allegato), Presidente OMCEO BAT nel suo messaggio di invito, sottolineando la volontà dell’Ordine di proseguire in un percorso di alta qualificazione per coinvolgere e far crescere tutte i professionisti della salute, grazie anche all’elevato spessore dei relatori presenti.
“È sotto gli occhi di tutti che la realtà scientifica ci porta tante scoperte che ci fanno capire quanto sia sempre più complessa la realtà della prevenzione e della cura”, afferma il dottor Domenico Meleleo (foto in allegato), Commissione Promozione della Salute OMCEO BAT e Responsabile scientifico del Convegno, a proposito della necessità di approfondire le tematiche inerenti la promozione di sani stili di vita e i modelli multidimensionali di intervento tra professionisti della Salute. “Dal punto di vista sociale, poi, c’è un’attenzione sempre maggiore alla prevenzione e alla cura attraverso un approccio che tenga conto della persona, della centralità della persona e non soltanto del livello specialistico”, aggiunge Meleleo.
Al convegno, organizzato dall’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri, sono invitati tra i relatori e quindi come rappresentanza di spettatori, anche rappresentanti degli ordini professionali e di società scientifiche delle altre categorie succitate (Biologi, Psicologi, ecc.) ed esponenti del mondo della scuola. Nell’ottica della multidimensionalità dell’intervento sanitario, il convegno è strutturato in quattro sessioni di approfondimento che affrontano differenti aspetti del benessere del paziente, proponendo approcci e modelli per la promozione di uno stile di vita sano e la prevenzione delle patologie.
Nella Prima sessione – moderata da Benedetto Delvecchio e Domenico Meleleo – si affronta il tema dell’Attività fisica e della sua importanza per un corretto stile di vita. Domenico Monacis, del Dipartimento Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Foggia, illustrerà le “Linee guida per la promozione dell’attività fisica e l’attuazione di programmi multicomponente”. Seguiranno l’intervento di Raffaella Frisario, Docente in Attività Motorie Preventive e Adattate a Bologna su “Attività fisica in gravidanza: salute della mamma e del nascituro” e di Paola Nicolini, Professore Associato in Psicologia dello Sviluppo e Psicologia dell’Educazione all’Università degli Studi di Macerata su “Il gioco e le esperienze sensoriali per la promozione di uno stile di vita sano”.
La Seconda sessione – moderata da Domenico Meleleo ed Elvira Tarsitano – propone un approfondimento su un argomento di grande attualità, gli Stili di vita per la sostenibilità. Le nostre abitudini incidono sull’ambiente e sulle sue modificazioni ma è altrettanto vero che l’ambiente, di riflesso, condiziona la nostra salute e il nostro benessere. Vito D’Onghia, Dipartimento di Scienza dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura del Politecnico di Bari, illustrerà l’importanza del tema del food nelle politiche urbane nel suo intervento su “Food Policy”; Maria Lisa Clodoveo, Professore Aggregato in Scienze e Tecnologie Alimentari, DIM dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, si concentrerà sull’evidenza scientifica che la Dieta Mediterranea è un modello alimentare sostenibile con la sua relazione intitolata “Med Index”. Seguirà la Tavola rotonda sull’argomento “Benessere e carcere: è possibile?”, con la partecipazione di Giuseppe Centomani, Dirigente presso il Ministero della Giustizia Minorile in Emilia Romagna, Luciana Delle Donne, fondatrice e CEO dell’Officina Creativa scs di Lecce, e Alma Sinibaldi, giornalista. La mattinata si concluderà con l’intervento di Lucia Calabrese, psicologa, facente parte del Coordinamento Servizio SAISH, Roma che propone “Una pausa di consapevolezza” per riflettere sul rapporto fra emozione e cognizione.
Alimentazione e Psicologia sono i temi portanti della Terza sessione, moderata da Giovanni De Pergola e Vincenzo Gesualdo. “Stili di vita sostenibili e benessere psicologico” è il titolo dell’intervento di Giovanna Pontiggia, Vice Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Regione Puglia, a sottolineare quanto la sostenibilità delle nostre abitudini sia un concetto essenziale anche sotto il profilo del benessere psicologico. Giovanni De Pergola, Professore Associato in Medicina Interna all’Università degli Studi di Bari, risponderà ad un interessante quesito: “Dieta mediterranea: la migliore del mondo?”, un tema eternamente attuale, soprattutto in ambito nutrizionale. Salute e benessere si progettano già prima della nascita. Ad approfondire questo aspetto le relazioni di Teresa Cazzato, Medico Pediatra della ASL Taranto, su “Allattamento materno: una ricchezza trascurata?” e Gianfranco Trapani, Medico Pediatra della USL 01 Imperiese Distretto Territoriale di Sanremo, su “Olio Evo: gravidanza e infanzia”. Infine, Pierluigi De Pascalis, Professore in Attività Motorie e Sportive all’Università degli Studi di Foggia, con il suo intervento su “Ortoressia e vigoressia: quando la passione per allenamento e alimentazione divengono un’ossessione”, anticipa la Tavola rotonda con Lucia Calabrese, Teresa Cazzato, Pierluigi De Pascalis, Giovanni De Pergola, Giovanna Pontiggia, Alma Sinibaldi, Gianfranco Trapani.
La Quarta sessione su Posturologia e benessere: il punto di vista del professionista… – moderata da Pierluigi De Pascalis e Giuseppe Ragnatela – propone un interessante esempio di modello multidimensionale di intervento, grazie alle relazioni di diversi professionisti coinvolti, per diversi aspetti, negli interventi di posturologia: Vincenzo Carpentiere e Domenico Lafornara sugli aspetti connessi all’Odontoiatria, di Vera Lezza sulla Chinesiologia”, di Giulio Ragni sull’Osteopatia e Marina Stazzi sull’Ortottica.
L’Evento accreditato è gratuito ed è aperto a un massimo di 100 partecipanti appartenenti alle seguenti professioni: Medici Chirurghi (tutte le discipline), Odontoiatri, Biologi, Dietisti, Farmacisti, Fisioterapisti, Infermieri, Laureati in Scienze Motorie e Sportive, Ortottisti, Psicologi e Tecnici della Prevenzione. Sarà possibile seguire il convegno anche live su webex, con registrazione dei partecipanti dal sito aimseventi.it

Ultime notizie