sabato, 23 Ottobre 2021

Draghi accelera su Scuola, Università e Ricerca: ecco cosa emerge dalla cabina di regia

Draghi: "Oggi iniziamo questo percorso dall'istruzione, formazione e ricerca".

Da non perdere

Come vi avevamo anticipato, oggi il Governo si sarebbe occupato di ricerca, scuola e università.

Nella cabina di regia con la ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa e il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, il presidente del Consiglio Mario Draghi dichiara: “Oggi iniziamo questo percorso dall’istruzione, formazione e ricerca: c’è un calendario di massima per le prime sei cabine di regia”. Queste riguardano le riforme da completare entro il 2022, perciò “il rispetto degli impegni è determinante per l’assegnazione dei fondi europei”, commenta il Presidente del Consiglio. Le novità riguarderanno: gli istituti tecnici professionali; il rafforzamento della capacità di innovazione; l’orientamento al lavoro dopo la scuola; l’assunzione del personale docente; la riorganizzazione del sistema scolastico; le infrastrutture digitali e fisiche. Infatti il premier precisa: “Il piano dovrebbe disegnare l’Italia di domani: formazione e ricerca sono fondamentali per la crescita del nostro Paese”. Così Draghi celebra lo “straordinario evento del Nobel per la Fisica al professor Parisi” che “fa pensare alle nostre potenzialità nel campo della ricerca e della scienza”, pertanto promette di “aumentare i fondi per la ricerca di base e anche quella applicata”.

Alla cabina di regia hanno partecipato anche le ministre Bonetti, Carfagna e Gelmini; rispettivamente della Famiglia, per il Sud e per gli Affari regionali. A tal proposito Dragi spiega: “La Presidenza ha già chiesto a tutti i Ministeri ulteriori provvedimenti necessari per semplificare gli iter dei singoli progetti: molti sono già arrivati e presto ci sarà un altro provvedimento con altre semplificazioni”, poiché “c’è un numero rilevante di provvedimenti da approvare entro l’anno”.

Ultime notizie