domenica, 17 Ottobre 2021

Accordo tra ministero Salute e produttori: meno zuccheri nelle bibite a tutela dei bambini

Protocollo di intesa tra il ministero della Salute e l'Associazione italiana tra gli industriali delle bevande analcoliche (Assobibe): ulteriore taglio del 10% di zucchero immesso in consumo e no promozione bevande ai bambini.

Da non perdere

Riduzione dell’offerta calorica, astensione dalla vendita diretta di bibite zuccherate anche nelle scuole superiori, astensione da pubblicità e marketing per gli under 13“. Questi sono gli impegni assunti con il nuovo Protocollo di intesa tra il ministero della Salute e l’Associazione italiana tra gli industriali delle bevande analcoliche (Assobibe). Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, che ha trattato e firmato gli atti relativi all’igiene e alla sicurezza degli alimenti, inoltre, ha dichiarato: “Per il periodo 2020-2022 la riduzione delle calorie si otterrà mediante un ulteriore taglio del 10% di zucchero immesso in consumo, mentre l’astensione dalla vendita diretta dei produttori di versioni zuccherate verrà estesa alle scuole superiori, oltre che nelle primarie. Infine si eleverà dai 12 ai 13 anni la soglia di età su cui evitare promozioni e marketing nei canali diretti ai bambini“.

Il sottosegretario ha sottolineato che tale documento ha l’obiettivo di migliorare la conoscenza sulle caratteristiche delle bevande analcoliche e di avviare un percorso formativo per un consumo consapevole. Perno dell’accordo con le aziende produttrici è quello di contrastare l’eccessivo consumo di zucchero soprattutto tra i più piccoli, in quanto i dati sull’obesità infantile restano alti.

Questo nuovo accordo è espressione della volontà delle aziende produttrici di impegnarsi a collaborare attivamente con il Ministero della Salute per contrastare gli effetti di un consumo eccessivo di zuccheri, offrire soluzioni di consumo alternative nell’apporto calorico e diffondere stili di vita ancora più all’insegna dell’equilibrio nutrizionale“, ha dichiarato  – Giangiacomo Pierini, Presidente Assobibe.

Inoltre, Pierini ha parlato anche delle versioni senza calorie delle bevande analcoliche: ” Il percorso intrapreso con il Ministero ci ha portato negli ultimi dieci anni a ridurre del 27% lo zucchero immesso sul mercato […]. Prive di impatto nutrizionale, sono cresciute del 74%, ma il nostro impegno va oltre le logiche di vendita: vogliamo aiutare i consumatori a essere sempre più consapevoli delle loro scelte nutrizionali. Per questo, oltre a offrire prodotti a ridotto impatto nutrizionale, raccogliamo la sfida di educare al bilancio calorico, alla moderazione e a stili di vita attivi anziché sedentari”.

Ultime notizie