lunedì, 25 Ottobre 2021

Respect, il nuovo film sulla regina del soul

"Respect", in sala dal 30 settembre per Eagle Pictures con la regia di Liesl Tommy, rappresenta attraverso un continuo gioco di luci e ombre, la storia di quella che è stata una delle voci più importanti del panorama americano ed estero di tutti i tempi.

Da non perdere

“Respect”, in sala dal 30 settembre per Eagle Pictures con la regia di Liesl Tommy, rappresenta attraverso un continuo gioco di luci e ombre, di gloria e fragilità, la storia di quella che è stata una delle voci più importanti del panorama americano ed estero. Ma non fa solo questo. In un periodo in cui il movimento Black Lives Matter e quelli contro la violenza sulle donne fanno sentire forte la loro voce, la storia di Ree-Ree, così chiamata dalle persone più care, risulta perfettamente attuale, a ricordarci quanto sia importante il far sentire la nostra voce.

Nel ruolo della regina del soul, una splendida Jennifer Hudson, scelta personalmente da Aretha Franklin, prima che morisse nel 2018. “Respect”, in un lasso temporale dagli anni Cinquanta ai Settanta, racconta il percorso travagliato di Aretha Franklin per diventare la musicista brillante che è stata e che tutto il mondo ha conosciuto.

La storia di una giovane donna, che stava lottando per trovare se stessa, in un mondo che stava cambiando velocemente e che lei ha contribuito a cambiare. Con il suo attivismo per rivendicare i diritti degli afro-americani, spinta dall’esempio e dalla vicinanza con Martin Luther King, la sua storia è stata d’esempio per molti. Il film inizia e finisce in chiesa, con la registrazione dell’album da record Amazing Grace, a ribadire il ruolo che la fede e l’esperienza gospel hanno avuto sulla sua formazione di donna e di artista. Nel cast anche Forest Whitaker (nel ruolo del padre di Aretha), Marc Maron (nel ruolo del marito Jerry Wexler), Marlon Wayans (il secondo marito Ted White), Audra McDonald (la madre di Aretha) e Mary J. Blige (Dinah Washington), Tituss Burgess (Rev. James Cleveland), Hailey Kilgore (la sorella Carolyn) e Saycon Sengbloh (la sorella Erma). Manohla Dargis, critica del New York Times ha affermato che il film “trova il suo ritmo”, ed ha elogiato le performances di Mary J. Blinge e Jennifer Hudson, definendo “un piacere il sono vederla entrare in una stanza”.

Ultime notizie