mercoledì, 27 Ottobre 2021

Raid col drone in Afghanistan, gli Usa: “Sbagliato obiettivo tra i 10 morti anche 7 bambini”

Il raid del 28 agosto era stato presentato come un successo contro l'Isis-K durante i giorni terribili dell'evacuazione da kabul e degli attentati all'aeroporto della capitale; in realtà sono stati uccisi 10 civili innocenti, compresi 7 bambini.

Da non perdere

Il raidi condotto dagli americani il 28 agosto in Afghanistan, quello in cui nell’attacco con un drone nella regione di Nagahar sarebbero morti due importanti esponenti di vertice dell’Isis-K, è stato in realtà tutto uno sbaglio, costato la vita a 10 civili tra cui 7 bambini. È emerso al termine di una inchiesta militare condotta dagli Stati Uniti, come ha ammesso lo stesso Pentagono. Il mezzo preso di mira non rappresentava effettivamente una minaccia legata all’Isis-K, quelle che dalle rilevazioni apparivano agli americani come bombe, altro non sarebbero state che taniche piene d’acqua.

Ad annunciarlo al Pentagono è stato il generale Kenneth McKenzie, comandante dell’Us Central Command: “Il raid è stato deciso in base alla convinzione che avrebbe impedito una minaccia imminente contro le nostre forze e le persone che cercavano di essere evacuate attraverso l’aeroporto ma è stato un errore e offro le mie sincere scuse” – ha dichiarato McKenzie. Il generale si è detto pienamente responsabile di ciò che è accaduto e del tragico epilogo che ha provocato.

Ultime notizie