martedì, 19 Ottobre 2021

Brusaferro: “In Italia il virus circola meno”. Molte regioni non sono più rosse

Secondo le ultime stime in Italia il Covid circola di meno nello Stivale rispetto ad altri paese dell'Unione Europea, complice anche la campagna vaccinale.

Da non perdere

In Italia il virus circola di meno, ad affermarlo è il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro. L’intervento è avvenuto durante la conferenza stampa sull’analisi settimanale dei dati del Monitoraggio regionale della Cabina di Regia.

Dalla mappa Ue emerge che l’Italia si sta ‘schiarendo’ con due regioni più rosse. In Europa – ha affermato Brusaferro – la circolazione del virus sta decrescendo. Il nostro Paese si caratterizza per una circolazione contenuta, altri Paesi sono in decremento però sempre con una circolazione superiore alla nostra. A livello Ue siamo quindi in una situazione di stabilità o lieve decrescita come nel nostro caso.”

Brusaferro, inoltre, ha commentato come molto positivi i dati della vaccinazione nelle fasce più giovani (12-19 anni e 20-29), “che in pochissimo tempo hanno raggiunto coperture significative del 78-79% con prima dose tra i 20 e 29 anni, e la stessa cosa sta avvenendo tra 12 e 19 anni, con prima dose 63%. È un dato in crescita, un messaggio di speranza“. Secondo il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) le fasce giovani sono “attente e consapevoli sulla vaccinazione, anche se hanno un minore impatto sulla mortalità e la probabilità di ricovero in terapia intensiva. Ciò che avviene in questa fascia d’età contribuisce in modo decisivo alla circolazione del virus. Ora tutti guardiamo con attenzione alle scuole, perché vogliamo che rimangano in presenza.”

Nel corso dell’ultima settimana sono Sicilia, Provincia autonoma di Bolzano e Calabria i territori cha hanno fatto registrare i valori più elevati relativamente all’incidenza dei casi Covid-19, ovvero il numero dei contagi per 100mila abitanti, un indicatore chiave per la valutazione del rischio pandemico. Nel periodo di riferimento 10-16 settembre 2021, in Sicilia il valore dell’incidenza è pari a 109,1 per 100mila abitanti; nella Provincia autonoma di Bolzano è pari a 90,5 e in Calabria a 84,8.

Ultime notizie