lunedì, 27 Settembre 2021

Covid, la pandemia fa impennare la vendita dei giocattoli: anche gli adulti si riscoprono bambini

Con la pandemia anche gli adulti si sono riscoperti bambini ritrovando il piacere di passare il tempo con i giochi da tavola o con le costruzioni.

Da non perdere

Grazie alla pandemia il mercato dei giocattoli torna a registrare numeri in aumento nelle vendite. Nel 2019 il mercato aveva avuto una leggera risalita registrando un +3% rispetto alle vendite del passato; nel 2020 il dato è stato 6 volte maggiore, esattamente +18%, complice la pandemia e il dover stare chiusi in casa. Per cercare un po’ di svago e un po’ di relax, oltre allo smartworking e alle lezioni online, i giocattoli sono stati la valvola di sfogo per una situazione che dal giorno alla notte ha stravolto le vite di tutti,

Durante il primo lockdown diverse famiglie si sono trovate a fronteggiare “l’emergenza” figli in casa tutto il giorno con asili e scuole chiuse. Per passare il tempo i genitori hanno investito sull’acquisto di giocattoli educativi o come passatempo. Non solo i bambini, ma anche gli adulti si sono riscoperti bambini durante i mesi delle restrizioni. Un netto miglioramento si registra anche nel mercato “kidult”, giochi per adulti. Tra collezionismo, trivia e giochi di società questa fetta di mercato è tornata padrona dei momenti familiari.

Tra i giocattoli più venduti ci sono le costruzioni, mattoncini colorati di diverse forme e misure che permettono di realizzare strutture originali o di essere assemblati per creare un auto, un grattacielo o altre figure. Dato il trend in crescita Natale 2021 avrà le costruzioni come regalo di tendenza. Diversi esperti sostengono che questo tipo di giochi stimoli molto la curiosità e la fantasia dei grandi e dei piccini attraverso i colori e il “dover incastrare” il tutto al posto giusto.

Nel corso degli anni il modo dei giocattoli si è evoluto adattandosi alle esigenze di una società sempre più green e attenta alla tutela ambientale. Dalle confezioni ai materiali utilizzati per la costruzione dei giochi si prediligono scelte ecosostenibili o con materiali riciclati e riciclabili. Tra i protagonisti di questa svolta green friendly c’è la Mattel che ha immesso sul mercato la linea Barbie Loves the Ocean; il packing è interamente realizzato di carta ricilata, mentre la bambola, esclusa la testa, è realizzata con plastica recuperata dall’oceano.

Ultime notizie