domenica, 26 Settembre 2021

Recuperati zio e nipote dopo una notte all’addiaccio in alta montagna

A causa della nebbia e della pioggia hanno seguito il sentiero sbagliato, quello che conduce al versante francese, rimanendo bloccati nel vallone di Stroppia ad oltre 3 mila metri di altitudine.

Da non perdere

Solo tanto freddo e tanta paura per due escursionisti, uno zio cinquantenne con il nipote di 9 anni, che sono stati recuperati dopo aver trascorso un’intera notte all’addiaccio sulle montagne tra la Valle Maira, nel Cuneese, e la Francia. I due, durante la discesa dal Brec de Chambeyron a causa della nebbia e della pioggia hanno seguito il sentiero sbagliato, quello che conduce al versante francese, rimanendo bloccati nel vallone di Stroppia ad oltre 3 mila metri di altitudine.

A fine giornata, il papà del ragazzino, non vedendoli tornare, ha dato l’allarme. Immediatamente, sono partiti i soccorsi su entrambi i versanti, quello italiano e quello francese, dove sono stati trovati nel pieno della notte, in una zona impervia. I due sono stati recuperati dall’elisoccorso francese che li ha condotti al campo base. Nello stesso tempo, l’elicottero Drogo dei Vigili del Fuoco ha provveduto al rientro dei diversi soccorritori.

Il recupero, durato tutta la notte, ha coinvolto la squadra Saf dei Vigili del Fuoco, il Soccorso Alpino della Val Maira e la Gendarmerie francese.

Ultime notizie